Zhang fa sognare: “In estate niente FPF, mercato da gotha mondiale”. Altri temi toccati…

L’Inter lo ha definito un «senior manager meeting», solo una riunione settimanale, ma la presenza di Zhang Jindong ha dato al vertice di ieri pomeriggio una caratura diversa rispetto al solito. Zhang Jindong, racconta la Gazzetta dello Sport, è arrivato nel primo pomeriggio e ha voluto salutare e motivare personalmente tutti i dipendenti. «Il nostro è un progetto a lungo termine e non risparmieremo sforzi, anche economici, per riportare l’Inter nel gotha mondiale, soprattutto dalla prossima estate, quando saremo liberi dai paletti del fairplay Uefa», il succo del messaggio trasmesso dalla proprietà. Attorno al tavolo del summit poi c’erano anche Thohir, il vicepresidente Zanetti, il Cfa Gardini, il ds Ausilio, il commerciale, Gandler in primis, il corporate director Williamson, il direttore finanziario Antonello e il senior manager Volpi.

FIDUCIA MA TUTTI SOTTO LA LENTE – E’ stata ribadita fiducia a tutti, anche se un vero bilancio verrà fatto solo tra marzo e giugno. Non a caso prima non si parlerà di rinnovo anche per i dirigenti col contratto in scadenza, tra cui Gardini e Ausilio. Il Ceo invece dovrebbe arrivare a marzo. Si è poi parlato di progetti a lunga scadenza, come lo stadio, le strategie di marketing e le infrastrutture. Sul fronte mercato, a gennaio bisognerà cedere alcuni elementi anche in chiave FFP, con la possibilità di qualche entrata solo in caso di uscite pesanti. Suning infatti ha le mani legate dall’Uefa e si potrà appunto scatenare soltanto dalla prossima stagione.

FONTEfcinter1908.it