Zanetti: “Gagliardini? Sarà il nostro futuro, puntiamo su giovani italiani”

Il vicepresidente dell’Inter Javier Zanetti era oggi ospite dell’evento tenutosi a Roma “Calcio e disabilità: fischio d’inizio per Quarta Categoria”. Il dirigente nerazzurro ha parlato dell’evento, ma anche del momento della squadra: “Noi teniamo tantissimo a questa nuova iniziativa, l’Inter è molto presente in questi progetti di responsabilità sociale, ci piace seguirli da vicino e speriamo che ce ne siano ancora tanti, anche per il futuro. Ci sarà un campionato, la nostra squadra porterà la maglia dell’Inter e sarà ospite alla Pinetina per allenarsi con la prima squadra. Ben vengano queste iniziative, questi ragazzi devono star vicino a persone che trasmettano valori positivi. La partita di ieri? Siamo contenti ma dobbiamo continuare così. E’ stata una vittoria importante perché teniamo alla Tim Cup, ma ora non dobbiamo fermarci. Pensiamo partita dopo partita, iniziando da quella con il Palermo di domenica pomeriggio. Ha detto bene Pioli: dobbiamo pensare a una partita alla volta e alla fine vediamo dove arriveremo”.

CAMPIONATO – “Siamo contenti del momento che sta attraversando la squadra. Il nervosismo degli allenatori? Serve buon senso e pensare solo a quello che succede in campo, lasciando da parte le polemiche. Questo è un campionato talmente competitivo e bello e spero si mantenga così. Credo che la Juve sia ancora la favorita ma ci sono tante squadre che sognano di mantenere viva la lotta. Ci sono i presupposti, vedo tante squadre attrezzate e speriamo sia così avvincente fino alla fine perché il pubblico sarebbe contento”.

ALLENATORE – “Se era solo una questione di allenatore? Bisognava anche ritrovare fiducia, noi sapevamo che questo gruppo aveva dei valori importanti, e adesso lo sta dimostrando”.

GABIGOL – “Meritava questa opportunità dopo tanto tempo che non giocava. Non era semplice per lui, ma abbiamo tanta fiducia, lo ha detto anche Pioli: con i giovani bisogna lavorare e avere la pazienza di farli abituare al campionato italiano”.

GAGLIARDINI – “Siamo contentissimi per le sue due partite, non è solo il presente ma rappresenta il futuro della nostra società. Bisogna ringraziare anche l’Atalanta che ha fatto un ottimo lavoro con il settore giovanile e continua a farlo. Puntiamo tantissimo su molti giocatori italiani che possono essere il futuro del paese”.

SUNING – “Suning ha grandi ambizioni, e rispetta tantissimo la storia dell’Inter. Penso sia un punto di partenza che ci può dare fiducia per un futuro promettente.

FONTEfcinter1908.it