Zanetti esalta Stramaccioni: “Contano le idee, non l’eta'”

La grande vittoria ottenuta sabato sera sul campo della Juventus ha proiettato di nuovo l’Inter in ottica Scudetto. I nerazzurri sono stati i primi ad espugnare lo ‘Juventus Stadium’, ma Javier Zanetti mantiene i piedi per terra.

VITTORIA “Partita importante, molto sentita, siamo consapevoli di avere vinto una gara fondamentale. Ma già da oggi pensiamo alla trasferta di giovedì a Belgrado. – le parole del capitano nerazzurro a ‘Radio Anch’io lo Sport’ – Il gruppo è fondamentale per raggiungere ogni obiettivo, siamo uniti e vogliamo tornare protagonisti”.

STRAMACCIONI “Il mister ha 3 anni in meno di me ma ci sono tutti i presupposti per avere un ottimo rapporto. La cosa importante sono le idee: il mister ha grande personalità. Quando gli hanno dato l’incarico si è presentato con grande umilità e serenità, ognuno di noi dà il suo contributo per il bene dell’Inter. Nella scelta del mister non ha influito la mia opinione, il Presidente Moratti parla spesso con me e l’unica cosa che ho fatto è assicurare il supporto assoluto della squadra a Stramaccioni”.

JUVENTUS STADIUM “Sapevamo fosse una partita importante. Erano imbattuti, sono molto compatti e non era semplice espugnare il loro campo. Ora però dobbiamo pensare solo al futuro: c’è il Partizan e guardiamo solo a quello”.

POLEMICA “Tutti hanno visto quanto è successo sabato, anche noi abbiamo protestato sulla mancata espulsione. Andiamo avanti, l’unica maniera per rispondere a questi torti era vincere la partita, siamo stati bravi a farlo. Speriamo queste cose non capitino più. Del gol in fuorigioco non me ne sono accorto, ma la mancata espulsione di Lichtsteiner è stata molto evidente”.

Fonte: calciomercato.it