Walter Zenga presenta Catania – Inter

Catania – Inter. Chi meglio di Walter Zenga per presentare questa grande sfida? Il portierone dell’Inter (a cavallo degli anni ’80 e ’90) e l’allenatore che per una stagione e mezzo regalò spettacolo ai piedi dell’Etna, si dimostra come sempre interessante nelle sue parole.

Catania – Inter, Zenga parla degli etnei. Walter, intervistato da Matteo Dalla Vite de La Gazzetta dello Sport, esordisce parlando del Catania: “Lì c’è organizzazione e sono anni che sanno fare bene le cose. Il segreto? Intanto c’è un centro sportivo spettacolare: Torre del Grifo. Ed è una delle tante conseguenze di una società che mette tutti, e sottolinea tutti, nelle condizioni di dare sempre il 100%”. A Zenga viene domandato se il merito di questa grande crescita del Catania dipenda da un nucleo di giocatori che giocano insieme da tanto tempo o se degli allenatori passati da lì in questi anni. Interessante la risposta dell’ex “uomo Ragno”: “Degli allenatori, perché ognuno di loro ha portatole proprie qualità in un contesto sano. Poi conta ovviamente il nucleo di giocatori citati, avere un nucleo di argentini vale tanto. Ripeto però che il plusvalore è la società: Pulvirenti è uno che ti difende fino alla fine e ti fa lavorare bene”.

Nerazzurri nel cuore. Quando si parla dell’Inter esce fuori il tifosi che c’è dentro l’ex portiere degli azzurri ad Italia ’90: “Anch’io soffro un po’: quando qui mi metto davanti alla televisione a guardare la mia squadra del cuore divento un ultrà. Mi trasformo. Voglio però sottolineare una cosa: l’inter sta facendo i suo, e credo che nessuno potesse pensare di attaccare lo Scudetto all’inizio di questa stagione. Ci vuole tempo. La vittoria a Torino? A volte i risultati mascherano: l’Inter sta rinnovando e crescendo. Per me l’Inter arriverà terza. Strama è bravo e preparato, conta la consapevolezza nel lavoro, non l’età”.

Il verdetto e la curiosità. Infine la domanda più attesa più attesa: “Chi vincerà Catania – Inter? Da interista non ho mai pensato che l’Inter non possa vincerle tutte. Però il Catania gioca bene, lì sono sereni, preparati, forti. Probabilmente come ogni tifoso interista, oggi faccio fatica a dire “vince l’Inter”, quindi mando in corner: spero che a fine anno Catania ed Inter possano avere quanto cercano, ovverosia l’Europa League gli etnei e la Champions League, i nerazzurri”. Staremo a vedere. Zenga però lancia un’ultima curiosità: “Detto che tra gli allenatori italiani non ce n’è uno scarso, sarebbe bello vedere Strama sulla panchina del Catania e Maran su quella dell’Inter: come finirebbe?”.  Viaggiate di fantasia.

Fonte: teladoiolamerica.net