Vucinic è sbigottito e cerca squadra: niente Inter, in giornata summit con la Juventus

Tutto da rifare. Mirko Vucinic, rientrato a Torino dopo la psichedelica giornata di ieri, si ritrova nuovamente a dover analizzare il futuro immediato. All’orizzonte non c’è più l’Inter, non c’è più Walter Mazzarri, non c’è più la Pinetina. L’attualità è tipicamente sabauda: Vinovo, vecchi compagni, vecchie abitudini e Antonio Conte.

La Juventus ha deciso di riflettere, quanto accaduto negli ultimi giorni va metabolizzato con calma. Pensiero rispettato da Alessandro Lucci, procuratore del centravanti montenegrino, il quale fino all’ultimo ha tentato di trasferire il suo assistito a Milano. Il genio di Niksic, dopo aver sostenuto le visite mediche a Pavia con quello che sarebbe dovuto diventare il suo nuovo club, ha dovuto fare un passo indietro; inaspettato e inevitabile.

I nerazzurri hanno deciso di non chiudere l’affare, direttiva imposta da Erick Thohir, consigliata da Massimo Moratti, comunicata (con grande imbarazzo) all’ex giallorosso. Vucinic, da professionista esemplare qual è, ha salutato la terra meneghina senza polemiche. Certo, agli amici più cari ha confidato tutto il suo disappunto, ma è rientrato alla base rispettando il pensiero della Vecchia Signora.

Madama, infatti, dopo aver annusato il possibile dietrofront interista, ha letteralmente proibito al montenegrino di recarsi alla Pinetina, dove nella giornata di ieri avrebbe dovuto sostenere il suo primo allenamento, immergendosi – difatti – in un’avventura professionale pressoché definita in ogni minimo dettaglio.

Così non è stato. Beppe Marotta e Fabio Paratici, prima di trasferirsi a Roma per assistere alla sconfitta bianconera in Coppa Italia, hanno imposto fin dal principio le regole: niente Guarin alla Juventus, niente Vucinic all’Inter. Mossa che ha bloccato sul nascere qualsiasi suggestione extra-scambio. Lucci, forte della stima di Mazzarri nei confronti di Vucinic, ha provato disperatamente a mediare.

E, secondo quanto raccolto da Goal Italia, la sua missione si sarebbe bloccata a metà percorso, ovvero fino all’esposizione ufficiale di Thohir. E adesso? Si cerca una soluzione. Il giocatore continua ad essere sul mercato. Lucci, nelle prossime ore, potrebbe incontrare nuovamente alcuni emissari dell’Arsenal, sempre interessati all’argomento, pronti a riallacciare i contatti con i campioni d’Italia.

Ma prima di imbastire nuovi fronti, vista l’esperienza meneghina, le parti interessate dovranno fare nuovamente quadrato. Per il bene del calciatore e, ovviamente, della stessa Juventus.

Fonte: goal.com