Da Vucinic ad Hamsik: Guarin sempre pedina per il futuro

GuarinA gennaio è stata l’operazione più famosa sul mercato, nonostante alla fine non è stata portata termine. Inter e Juventus d’accordo, giocatori, allenatori e procuratori d’accordo: Guarin alla Juventus e Vucinic all’Inter, manca solo l’ufficialità. Poi la rivolta dei tifosi nerazzurri scatena qualcosa, arriva il “no” di Thohir e lo sconcerto da parte del club bianconero. La spiegazione viene data come “mancanza di condizioni necessarie per il prosieguo della trattativa”. Adesso, tre mesi dopo questa storia, Fredy Guarin può tornare ad essere considerato pedina di scambio.

Il colombiano ha mercato, e questa è una cosa che gioca a favore dell’Inter. Cambia però il fine ultimo, non si cerca più di raggiungere Vucinic bensì un top player assoluto come Marek Hamsik, che Walter Mazzarri vorrebbe tornare ad allenare dopo le gioie di Napoli. Oltretutto gli stessi partenopei non hanno mai nascosto qualche interesse per Guarin, quindi la storia può andare avanti. Naturalmente non si parla più di un minimo conguaglio perché il Napoli per lo slovacco chiede fra i 30 e i 35 milioni di euro. Ma, altrettanto naturalmente, sarebbe difficile trovare qualche tifoso nerazzurro in protesta per questo tipo di operazione…

Quello che resta da capire è se c’è veramente la voglia di disfarsi di un giocatore dalle caratteristiche importanti, il quale però allo stesso tempo non ha mai dimostrato che la contintuià fa parte del suo bagaglio. Un’alternativa sarebbe quella di ottenere da Guarin soldi freschi da reinvestire, che potrebbero arrivare proprio dalla Juventus, che al centrocampista ancora non ha rinunciato del tutto. Al momento però Guarin pedina era e pedine sembra destinato a diventare, ma con lui l’Inter spera di costruire un futuro radioso.

Fonte: tuttomercatoweb.com