Un regalo sul mercato per Mancini

Oggi Roberto Mancini compie 51 anni e l’Inter è pronta a fargli un regalo sul mercato di gennaio. Ieri alla Pinetina c’è stato un vertice tra l’allenatore e i dirigenti Bolingbroke, Williamson e Ausilio, rientrato dalla missione a Barcellona, dove è stato deciso il futuro di Martin Montoya.

TERZINI – Con il suo agente Juan de Dios Carrasco è stato deciso che Montoya (col placet del Barça) andrà in prestito in un’altra società, probabilmente in Liga. Si chiude così la sfortunata parentesi dell’ex blaugrana in nerazzurro. Al momento, non viene presa in considerazione l’eventualità di prendere un altro terzino, sempre che non vada in prestito pure Dodò.

RANOCCHIA – Come si legge sul Corriere dello Sport, la riunione è stata propedeutica per capire quale possa essere il budget per il mercato e dove si debba intervenire per puntellare la squadra. L’input dato dal presidente Erick Thohir è chiaro: le risorse per rinforzare la squadra andranno trovate dalle cessioni. In tal senso Andrea Ranocchia, può essere il giocatore ideale per fare cassa essendo entrato nei radar di Siviglia e Sporting Lisbona, ma pure del Napoli dove gioca Dries Mertens, esterno che piace assai a Mancini.

PIRLO – Tutti sono stati concordi nel rilevare le difficoltà che pone un mercato delicato quale è quello invernale in cui – come ha spiegato Mancini – vanno individuati giocatori pronti, che possano avere un impatto importante su una squadra che va a mille. Facile pensare che, in tal senso, siano stati valutati costi e benefici dell’operazione Pirlo che magari non sarà un giocatore di prospettiva, ma che – oltre ad arrivare gratis – pare essere l’uomo giusto per cambiare volto all’Inter i cui centrocampisti non hanno tra le loro peculiarità la capacità di verticalizzare che ha l’ex bianconero.