Tutto nelle mani di Thohir? Moratti pensa all’addio, ecco perché

L’eventuale uscita di gioco di Marco Tronchetti Provera farebbe inevitabilmente pensare che anche l’amico Massimo Moratti stia meditando un disimpegno. L’ex patron che ha portato a Milano il triplete sta riflettendo sull’ipotesi di lasciare la propria fetta da 29,5% di quote, che sarebbe intestato ai figli Angelomario e Giovanni. Moratti non è ancora riuscito a cucirsi addosso l’abito di chi non prende più le decisioni, nonostante debba comunque condividere i rischi di gestione e potenzialmente anche i debiti. Negli ultimi tempi Thohir ha provveduto ad erogare prestiti per garantire al club la necessaria liquidità, ma se la tendenza non dovesse essere invertita, questa soluzione potrebbe non bastare più, con conseguente erosione del capitale sociale.

A quel punto sarebbe necessaria una ricapitalizzazione, con conseguente doppio scenario: o Moratti partecipa in proporzione alle proprie quote oppure non mette i soldi ma cede una parte del pacchetto azionario. Scenario che per altro è poco gradito a Thohir, che almeno al momento non vorrebbe aumentare le proprie quote, preferendo invece condividere i rischi d’impresa insieme ad un altro socio. Non è escluso che lo stesso Moratti possa trovare un nuovo socio pronto a subentrare al suo posto. Intanto scrive la Gazzetta dello Sport, non è affatto scontato che Moratti lunedì presenzi all’Assemblea dei soci.