Top & Flop di Sampdoria-Inter (0-4)

Sampdoria-Inter 0-4
Sampdoria-Inter 0-4

Prima o poi doveva capitare, che quello che fino ad ora si era giocato tra le lenzuola e sui social network, finisse faccia a faccia sul terreno di gioco. Marassi è una bolgia infernale, con i tifosi doriani accorsi per difendere l’onore di Maxi Lopez. Maurito, dal canto suo, prova a sotterrare l’ascia di guerra porgendo la mano a quello che una volta era suo amico, ma il blucerchiato non lo degna neanche di uno sguardo; tutto intorno è fischi ed insulti per il giovane argentino, che di certo li sente benissimo, ma dopo il primo gol, si ferma sotto la curva doriana portando la mano all’orecchio come per dire “urlate più forte, non riesco a sentirvi”. Per la cronaca finisce 4-0, una partita che l’Inter domina per larghi tratti, in particolar modo nel secondo tempo.

TOP
Handanovic – prestazione maiuscola per il portiere sloveno. Neutralizza Maxi Lopez dal dischetto, e tiene a galla la squadra nel momento più delicato della partita, si mette il mantello e vola da un angolo all’altro della porta. Decisivo, nonostante la pioggia di gol.

Icardi – gioca contro tutto lo stadio. Segna due gol – magistralmente assistito da Palacio – e butta benzina sul fuoco esultando sotto la curva avversaria. Rapace d’aria di rigore, sfrutta quasi ogni occasione che gli capita; seconda doppietta consecutiva con otto gol in totale. Urlate più forte.

Kovacic – Mazzarri ci mette 33 partite, ma pare che adesso gli sia chiaro che Mateo deve giocare con continuità. Sempre con la testa alta, non butta mai via un pallone e aspetta sempre il momento giusto per effettuare il passaggio al compagno meglio posizionato. La classe non è acqua.

FLOP
Ranocchia – fresco di convocazione al prossimo stage della nazionale, fa una partita al di sotto degli standard a cui ci aveva abituato nelle ultime uscite. Parte bene, ma poi commette un’ingenuità colossale sull’episodio del rigore, e seppur salvato da Handanovic non riesce a ritrovare serenità commettendo diversi errori.

Eder – nello spazio di un minuto rovina il pomeriggio alla Samp. Si fa ammonire per una simulazione su un intervento di Rolando al limite dell’area, e nella mischia che si accende subito dopo, mette le mani in faccia ad Handanovic che lo stava allontanando. Dategli un valium.

Hernanes – un gradino più giù rispetto al solito. Appare a tratti fuori dal gioco, poco propositivo in fase offensiva e disordinato in fase di interdizione. Commette diversi falli. Sicuramente prezioso per la pregevole qualità tecnica, sembra che fisicamente non sia ancora al top.

L’Inter torna a vincere dopo aver raccolto soli 3 punti nelle ultime quattro partite. Handanovic scaccia i fantasmi di una possibile rimonta blucerchiata e Icardi, Palacio e Samuel buttano in fondo alla rete paure e polemiche. Davanti vincono tutte, ma dietro qualcuno rallenta; avanti così.