Top & Flop di Empoli-Inter (0-1)

La partita dopo la sosta invernale non è mai scontata, ancor meno se giochi contro il sorprendente Empoli, che con Giampaolo sta facendo meglio di quanto già fece con Sarri. La partita in verità è un po’ moscia, ma dà sempre l’impressione che da un momento all’altro possa succedere qualcosa; quel qualcosa succede poco prima dell’intervallo, quando Mauro Icardi, prende l’unica palla giocabile che ha avuto fino a quel momento è la deposita in rete.

Top
Icardi – detto il cinico; è l’uomo da un gol ogni occasione. Per larghi tratti fuori dal gioco tocca un pallone e ti fa portare a casa i tre punti. Non pensate di vederlo giocare per la squadra, ma in fondo, a chi importa?

Handanovic – se l’Inter va in difficoltà, è lui a togliere le castagne dal fuoco. Salva più volte il risultato. Nell’economia di una partita così risulta più decisivo di quanto lo siano gli attaccanti.

Saponara – il buon gioco dell’Empoli è anche merito suo. Dai suoi piedi passano tutte le azioni d’attacco. Handanovic gli nega il gol; suo anche l’assist per Pucciarelli nell’occasione del rigore non concesso alla squadra toscana.

Flop
Nagatomo – non giocava dall’espulsione rimediata contro il Napoli, e per questo, eravamo tutti contenti. Fa tantissima confusione, non spinge sulla fascia, ma ha l’abilità di farsi sorprendere sempre alle spalle da Maccarone e Saponara. Facciamo una colletta, compriamolo noi, e abbandoniamolo sull’autostrada tanto non è capace di tornare.

Murillo – forse l’ammonizione a inizio partita lo condiziona; fatto sta che Jaison non è il solito muro. Impreciso e confusionario rischia di essere determinante per il fallo su Pucciarelli, ma Celi, non concede il rigore.

Croce – in un ottimo Empoli è difficile trovare un flop, ma Daniele Croce entra al posto di Buchel, si fa ammonire dopo tre minuti e poi, crediamo si sia risieduto in panchina.

L’Inter inizia l’anno con il sorriso, anche se i nerazzurri sono sembrati appesantiti e svagati. Vincere così vale anche più di tre punti, ma adesso è necessario ritrovare la concentrazione, il pullman del Sassuolo, è già ai cancelli del Meazza.