Thohir volerà a Nyon per convincere l’UEFA: si rischia la stangata

Senza gioco, con pochi punti, nel mirino dell’UEFA. Ultimo mese complicato per l’Inter di Mazzarri e Thohir, che non solo deve fare i conti con la situazione difficile in Serie, ma bensì deve rispondere all’organismo presieduto da Michel Platini causa irregolarità relative ai fair-play finanziario.

Venerdì, a Nyon, il presidente indonesiano sarà a capo della delegazione nerazzurra che si presenterà alla Camera investigativa del Club Financial Control Body dopo il warning arrivato a fine settembre. Insieme aThohir ci saranno Ceo Michael Bolingbroke, da Michael Williamson, direttore dell’Area Amministrazione, Finanza e Controllo del club nerazzurro e da Marco Fassone.

“Andremo a Nyon per spiegare il piano di sviluppo della società, la Uefa ha sotto mano i bilanci degli ultimi tre anni, ma noi cercheremo di spiegare la strada che abbiamo intrapreso” ha dichiarato qualche giorno fa lo stesso Fassone a proposito della spedizione nerazzurra in Svizzera.

Se gli avvisi dell’UEFA sono arrivati anche a Roma, Monaco, Besiktas, Krasnodar, Liverpool e Sporting Lisbona), il bilancio dell’Inter risulta essere più negativo: nel triennio 2011/12, 2012/13 e 2013/14 a fronte di un rosso ammesso di 45 milioni, le perdite sono state di 250.

L’UEFA multerà sicuramente l’Inter, Thohir cercherà di limitare i danni: in caso di qualificazione alle coppe europee verrebbe presentata una rosa ridotta a 21 giocatori anziché dei soliti 25 eci sarebbe il taglio degli eventuali ricavi e proventi legati alle competizioni Uefa.

Ecco perchè l’Inter deve assolutamente arrivare in europa, sopratutto in Champions: senza i milioni europei la situazione finanziaria sarebbe ancora più negativa. Il primo passo, a Nyon, sarà quello di provare a convincere la Commissione Uefa del piano di risanamento.

I tifosi dell’Inter sono imbestialiti per la prima parte di stagione, ma attualmente Thohir è concentrato sul discorso finanziario. In teoria le due cose vanno di pari passo, considerando che senza un buon piazzamento in campionato la situazione dei ricavi è destinata a peggiorare. Venerdì a Nyon servirà convincere l’UEFA, poi sarà compito di Mazzarri evitare il tracollo in campionato.

Fonte: goal.com