Thohir: ”Vivere a Milano? No, sono indonesiano. Vorremmo uno stadio nuovo, ma…”

Queste sono giornate in cui il neo presidente dell’Inter, Erick Thohir, diventato una sorta si eroe in Indonesia, è costantemente sotto la presione dei media locali, e le sue dichiarazioni rimbalzano immdiatamente a Milano.

Il tycoon di Giacarta, ha parlato del club nerazzurro anche durante un convegno sulla telefonia mobile, tenutosi all’Holiday Inn di Bandung e le sue dichiarazioni sono state riportate da FcIn.it.

Zanetti sperava che io andassi a vivere a Milano? Purtroppo vivo in Indonesia, il mio popolo è lì. Per l’impegno a Milano ho detto che sarò lì quattro volte l’anno almeno, ma questo non significa che il mio impegno sia minore. Il fatto che io non sia a Milano ogni settimana non significa che non guardi la partita o che non soffra per i risultati o che non ci sia un confronto continuo sul management. Ogni giorno abbiamo riunioni in videoconferenza, Skype, ecc’‘, esordisce Thohir.

 

Il presidente interista prosegue, inevitabilmente sul mercato: ”Non saranno mai miei decisioni, saranno sempre decisioni prese in collettivo. Non sono io a decidere chi dobbiamo comprare. Ok, voglio Nainggolan, ma solo se sono tutti d’accordo con l’acquisto. Non vorrei mai prendermi la responsabilità di un acquisto sbagliato. Anche il ds Ausilio l’ha detto: ci incontreremo e valuteremo insieme cosa fare sul mercato. La mia battuta su Messi? Mi chiesero se mi piaceva, io dissi che dovevo parlare con i miei dirigenti e che avremmo deciso insieme. Vale per tutti i calciatori, non solo Messi. Se mi chiedete se voglio qualche giocatore, la mia risposta sarà sempre la stessa: dobbiamo decidere insieme, tenendo d’occhio sempre il bilancio”.

Thohir viene stimolato a parlare anche della possibile costruzione di un nuovo stadio per l’Inter, e chiarisce un aspetto: ”Mi sono impegnato a realizzarlo per il DC United, lì abbiamo già incontrato il governo e siamo ad uno stato già avanzato. Per quanto riguarda l’Inter, stiamo ancora studiando la soluzione migliore. Non so se sia meglio San Siro o un nuovo stadio, per ora posso dire che vorremmo uno nuovo stadio ma non c’è ancora nulla di concreto”.

Fonte: europacalcio.it