Thohir vende: Suning prova l’acquisto per diventare unico azionista

Nella giornata di ieri vi abbiamo riferito come la famiglia Zhang e il gruppo Suning non fossero intenzionati a vendere il 70% delle quote dell’Inter e che, al contrario, è il socio di minoranza Erick Thohir alla ricerca di un compratore per il suo 30% in modo da disimpegnarsi dal club nerazzurro definitivamente e incassare un cifra notevole dalla cessione delle sue quote.

LA RICHIESTA DI THOHIR – Il magnate indonesiano, che è ancora ufficialmente il presidente del club nerazzurro, non ha mai contribuito economicamente con l’immissione di liquidità nelle casse nerazzurre e limita anche l’operato di Suning in quanto nei contratti stilati al momento dell’acquisto Thohir ha mantenuto diritti di veto sulle decisioni prese da Suning. Oggi l’ex patron chiede almeno 150/200 milioni per liquidare le sue quote ma il gruppo cinese ha pronto un altro progetto.

AZIONI PER AZIONI – Zhang Jindong sta cercando di ottenere il 100% delle azioni del club nerazzurro e secondo il Sole 24 Ore sta provando a convincere Thohir a cedere a Suning il proprio 30% del club. Le politiche economiche del governo cinese impediscono al patron nerazzurro di spendere per acquistare le quote del club e allora l’idea della famiglia Zhang è quella di scambiare le azioni dell’Inter in possesso di Thohir con quelle di Suning. Un’operazione “carta contro carta” che aggirerebbe i divieti del governo centrale cinese e che porterebbe il 100% dell’Inter nelle mani di Suning.