Thohir snobba i ko e rilancia svelando le prossime strategie

A tre giorni dall’inizio del campionato e a quattro dal debutto casalingo contro l’Atalanta, dopo un’estate di sconfitte in amichevoli, torna a parlare il presidente dell’Inter, Erick Thohir. Lo fa da Giacarta. Nel giorno della presentazione di Kovacic al Real Madrid e il magnate indonesiano spiega così i motivi della cessione del croato: «Siamo stati costretti a venderlo per le regole del Fair Play Finanziario. Il rischio che brilli altrove, come Pirlo e Coutinho, c’è. Se lasciamo andare via giocatori che si sono rivelati dei flop la gente non lo ricorda, si notano solo quelli che hanno avuto successo.
Penso che dipenda anche dal sistema di ciascun allenatore. E il campionato italiano non è tatticamente così aperto come la Premier o la Liga».

Le sconfitte estive non lo hanno abbattuto: «Sono ottimista, faccio il tifo e penso che i giocatori che ha in squadra al momento Mancini siano molto buoni. Murillo, Miranda, Jovetic e Kondogbia sono tutti ottimi giocatori e spero che anche i giovani possano dare il loro contributo. Abbiamo speso tanto, ovviamente non dovrebbe essere così perché la situazione diventa squilibrata e prima della fine del mercato dobbiamo cederedue o tre giocatori». Infine un pensiero su Shaqiri e sul suo possibile sostituto: «Anche la partenza dello svizzero è stata fatta per riequilibrare il bilancio. Lui però non era in sintonia con Mancini. Possibile che arrivi Perisic, ma chiunque arriverà sarà un calciatore da Inter, che servirà al club, non un mio capriccio».

Chi, invece, è già arrivato è Stevan Jovetic. Il montenegrino, dopo l’addio di Kovacic, sarà il nuovo numero 10 nerazzurro. L’attaccante sarà presentato oggi a San Siro. In casa Milan è sempre più vicina l’intesa conla Sampdoria per acquistare Soriano. C’è l’intesa sul prezzo, 10 milioni di euro, e manca da definire solo la modalità di pagamento. I rossoneri vogliono pagare in due anni, il presidente Ferrero vuole subito per intero la cifra. Non ci saranno ostacoli, poi a trovare l’accordo con il giocatore, al quale verrà proposto un contratto di 5 anni. Dall’estero arriva il colpo a sorpresa del Chelsea. Con un vero e proprio blitz i Blues hanno preso Pedro dal Barcellona: il Chelsea sborserà 28 milioni più due di bonus.