Thohir saluta Milano: “Samuel e Cambiasso, che bravi…”

Erick Thohir ha lasciato Milano, per fare ritorno a Giacarta. Eccolo, prima della partenza: su Inter-Torino e i 106 dell’Inter, lui in tribuna al fianco di Moratti e il secondo successo in sua presenza, da quando è al timone del club. “Era un giorno speciale per fare un regalo ai tifosi, buon compleanno Inter. Buona vittoria, ci sono ancora 11 partite, tanta strada da fare, la squadra ha più consistenza ora e può fare punti in ogni partita”

Il mercato, le conferme e il futuro di molti giocatori. Recuperato Guarin a fine gennaio, ora è (forse) il turno di Ranocchia. “Penso che sia molto importante che entro la fine della stagione si decida chi debba restare o chi debba partire, ma alla fine è un buon segno che tutti diano il massimo, perché noi teniamo a tutti i giocatori, vogliamo che si esprimano. Andreolli ha giocato bene, Ranocchia pure. Buon segno che si completino a vicenda per l’Inter”.
A proposito di Palacio e del rinnovo che, dicono, è ormai alle porte. “Stiamo trattando con Palacio, ma è importante guardare le prestazioni di Samuel e Cambiasso, che sta giocando bene. Alla fine della stagione valuteremo tutti, sia i giovani sia gli esperti, perché vogliamo costruire una squadra forte per il futuro con l’obiettivo di pianificare non solo il prossimo anno, ma i prossimi tre”.
Domanda su Chicharito Hernandez: “Buon giocatore, ma non abbiamo parlato né con lui né con Torres”-

Fonte: Sport Mediaset