Thohir mette in pegno un ramo d’azienda per il maxi prestito da 200 milioni

ThohirThohir divide l’Inter , per cercare finanziamenti e per rendere la società più sana. Mosse finaziarie e manageriali di altissimo livello che con il calcio giocato hanno ben poco a che fare ma che al calcio giocato potrebbero comunque dare molto, se il progetto dell’indonesiano andrà secondo previsioni.

Come riporta la ‘Gazzetta dello sport’ gli atti firmati uno il 28 maggio e l’altro il 5 giugno, danno il via alla nuova era nerazzurra. Nel ramo d’azienda commerciale Inter Media and Communication, creato ad hoc da Thohir, confluiranno solo utili: Pirelli, Nike, Inter Channel e una parte del fatturato per un totale di 159 milioni.

A questa somma si aggiungono anche i 132 milioni delle licenze di Inter Brand. In tutto 291 milioni che sono serviti da pegno per ottenere un prestito da 200 milioni da Goldman Sachs (altri 20 ce li ha messi di tasca propria Thohir ). Prestito che è già servito in buona parte a estinguere tutte le fidejussini e le garanzie di Moratti con le vecchie banche partner dell’ Inter .

Si apre così il lungo e tortuoso cammino verso l’autofinanziamento anche se il prossimo esercizio partirà con un poco confortante rosso in bilancio di 80 milioni. Di questo e altro se ne parlerà a Singapore nel prossimo consiglio di amministrazione. Sì, a Singapore e non a Milano, per la prima volta nella storia del club milanese. I tempi sono davvero cambiati.

Fonte: goal.com