Thohir: “Ho fiducia in Mazzarri, verrò spesso in Italia. Stiamo osservando dei giocatori…”

Durante il programma diI nterChannel “Radio Appiano”, il Presidente nerazzurro Erick Thohir ha parlato tramite un video direttamente da Giacarta, analizzando il momento attuale della squadra di Walter Mazzarri, considerando anche mercato, arbitraggi e molto altro.

Ecco l’intervista al tycoonindonesiano:

Presidente, l’anno è iniziato con partite, purtroppo, andate per il verso sbagliato. Qual é il suo pensiero in tal senso?
“E’ normale che ci sia dispiacere quando si perdono partite del genere, ma credo che la squadra, i giocatori abbiano dato il massimo. Abbiamo giocato con grinta, anche se il risultato non è stato quello sperato”.

Mercato, tema caldo. Quali sono gli obiettivi del club?
“Ci sono delle buonissime prospettive, ma allo stesso tempo dobbiamo trovare il giusto equilibrio. In alcuni ruoli c’è bisogno di qualche giocatori, in altri siamo molto coperti. Bisogna prestare attenzione nell’acquistare nuovi giocatori perchè la finestra di mercato è molto breve, perche la stagione è già a metà. In ogni caso il mister vuole giocatori già pronti per giocare nell’Inter. Stiamo osservando alcuni giocatori e ci sono trattative in corso e proveremo a prenderli. Il progetto per migliorare la squadra durerà 2-3 anni, il tempo per arrivare al massimo”.

Progetto che guarda al futuro, quindi. Dal 15 novembre cosa è cambiato?
“Non sono superman quindi non ho potuto fare tante cose in questo arco di tempo. I miei punti fermi sono: risanare l’Inter, accompagnare la squadra in questo periodo di transizione e aprirci al grande mercato internazionale per avere ancor più tifosi fuori dall’Italia. La Serie A sta pensando di far giocare alcune gare in Asia. Tutto questo durerà uno o due anni, non in 60 giorni”.

Transizione, le stesse parole di Mazzarri dopo l’Udinese. Nessuna illusione verso i tifosi, lei è d’accordo con il tecnico?
“Assolutamente, lui è perfetto come allenatore per questa Inter, è il suo primo anno ed è la prima volta che lavoro con lui, ci fidiamo e abbiamo bisogno di tempo per lavorare insieme. Nel bene o nel male io supporterò il tecnico. Dobbiamo ricominciare a vincere, ma servirà tempo”.

Come ha pensato di rimanere in contatto stando così lontanto?
“Sono sempre in contatto con la dirigenza, stanno lavorando bene: Fassone, Branca, Ausilio, Mazzarri. La distanza non è un problema, l’importante è confrontarsi e rimanere in contatto sempre. La tecnologia aiuta e i tifosi li incontri dappertutto. Ci sono tanti modi, come giornali e Inter Channel”.

Questione arbitrale, ha visto l’episodio di Milito?
“Bisogna fidarsi dell’esperienza degli arbitri di Serie A, che sono tra i migliori al mondo.  Io non sono così esperto in materia. Voglio vedere delle belle partite con i tifosi, sperando che i direttori di gara non condizionino troppo il match, che sia leale con tutte le squadre. Tutti voglio vincere e nessuno perdere”.

La rigraziamo, quando tornerà in Italia?
“Tornerò a fine mese, poi a fine febbraio, a fine marzo, aprile, maggio. Tante volte, quindi. Spero di vedere dei progressi ma sono sicuro che miglioreremo e faremo meglio dello scorso anno”.

Fonte: tuttomercatoweb.com