Thohir costretto a progettare un piano b se l’Inter sta fuori dall’Europa

Il presidente nerazzurro, Erick Thohir, partirà oggi alla volta di Giacarta,un pò amareggiato per aver assistito dopo il Torino, gara persa il 25 gennaio, ad un’altra sconfitta, per certi versi anche storica, in quanto la Fiorentina non espugnava il Meazza dal lontano 7 maggio 2000.

Anche se deluso, il tycoon ha comunque salutato la squadra a fine gara ma tornerà a casa con il pensiero di dover improntare un piano B che consideri la possibilità che l’Inter possa restare ai margini dell’Eurozona: un piano, dato che è imminente la mannaia del fair play finanziario (si attendono da Nyon sanzioni per 7-10 milioni), che non potrà prescindere dalla cessione di un big tra Icardi, Kovacic e Handanovic.

FONTEfcinter1908.it