Thohir convoca Icardi. Mirror: ecco l’offerta “monstre” per Touré

Domenica 19 aprile: Thohir sbarca a Milano. C’è il derby con il Milan, c’è il futuro da pianificare. E, soprattutto, c’è da definire la questione Icardi: il presidente dell’Inter vuole intervenire in prima persona, parlando con il giocatore e con il suo procuratore, Abian Morano. Il futuro nerazzurro passa perMaurito: ci crede Mancini, lo vuole il tycoon indonesiano. La differenza tra domanda e offerta è limabile: per il club almeno.

Per arrivare al 2019 assieme esistono ancora tanti paletti da abbattere. Diversi i nodi: balla quasi mezzo milione di euro e, soprattutto, c’è da chiarire la tempisitca, da stabile cooé quando far partire il nuovo, eventuale accordo? Tre milioni, come chiesto da Icardi, contro i 2,6 dell’Inter, decorrenza immediata, come preteso dal giocatore, o posticipata alla prossima stagione come ipotizzato dall’Inter (per questioni legate alla delicata questione del Fair Play finanziario). Distanze che il presidente vuole affrontare, accorciare e azzerare di persona, parlando direttamente con Icardi.

Certo, molto dipende poi anche da quale sarà l’Inter del futuro. Una squadra che Maurito prentende sia in grado di lottare per vincere: un anno fuori dall’Europa si può anche accettare, una squadra che naviga tristemente a metà classifica no. E allora, uno stimolo importante, è rappresentato dagli innesti. Un progetto che possa vedere al centro un fuoriclasse come Touré sarebbe certamente allettante. E l’ivoriano è l’obiettivo numero uno di Mancini e, di conseguenza di Thohir. Secondo il Daily Mirror, il club nerazzurro ha già pronta la mostruosa offerta per convincere il giocatore del City: contratto quiquennale a oltre 7 milioni di euro netti a stagione. Cifra monstre per un club dai conti sotto lla lente di ingrandimento dell’Uefa. Quella però necessaria per convincere Yaya a sbarcare a Milano.

FONTEsportmediaset.mediaset.it