Thohir contatta Oriali, ma Moratti..

Le parole di Massimo Moratti sono, nella sostanza, la parziale sconfessione dell’attuale linea operativa cavalcata in questo momento dal management al quale Thohir ha affidato la guida della società. in particolare della figura del direttore generale Marco Fassone che ha contatti quotidiani con l’indonesiano e che ambisce a conquistarsi un ruolo operativo alla Marotta per intenderci: non solo il prezioso potere di firma che gli ha conferito Thohir, ma anche la responsabilità dell’area tecnica e delle operazioni di mercato. Con l’attuale diesse Piero Ausilio alle sue dirette dipendenze, un po’ con lo stesso profilo attualmente ricoperto da Fabio Paratici con Marotta alla Juve.

Ma anche domenica a San Siro, l’ex Branca, Fassone e Ausilio sono finiti nel mirino delal contestazione della curva. Nel progetto di Fassone ci sarebbe anche l’ingresso in società di Gianpaolo Montali come referente nei rapporti con la squadra e lo staff tecnico. Una scelta legata al passato professionale dei due alla Juventus, prima che Montali passasse alla Roma.

Cosa ne pensa Moratti di questa operazione? Il petroliere ha il 30% del club, ci tiene ancora a contare e non ha gradito il licenziamento di Marco Branca. Non più tardi di una decina di giorni fa, Lele Oriali ha ricevuto una chiamata di sondaggio da un rappresentante di Thohir. Il popolo interista reclama a gran voce il ritorno dell’uomo del triplete insieme a Mourinho. Su Oriali, però, ci sono ancora le resistenze di Moratti e, ovviamente, di Fassone. Questione di equilibri e di potere da gestire.

L’uomo che metterebbe tutti d’accordo sarebbe Walter Sabatini: difficile, adesso che alla Roma ha pieni poteri, strapparlo dalla Capitale. Per il resto, in questo momento, l’Inter è una torta che fa gola ai voraci uomini mercato: in ordine sparso, si sono autocandidati Franco Baldini, attualmente al Tottenham; Daniele Pradé, con il contratto in scadenza alla Fiorentina, ma anche Pantaleo Corvino, Pietro Lo Monaco e Antonio Imborgia.

Ma attenzione a non trascurare la figura di Leonardo. Nei giorni scorsi, Thohir ha cenato con l’ex allenatore dell’Inter che a settembre ha concluso la sua esperienza al Paris St Germain. Ma pare che tra i due non sia ancora scoccata la scintilla.

Fonte: Sport Mediaset