Thohir alza la voce: in Italia per ricordare l’importanza europea

ThohirL’UEFA Europa League non è certo la Champions. Appeal diverso, importanza ben distinta, atmosfera e club impegnati affatto identici. Eppure chi ha la possibilità di tornare in Europa subito, non potendolo fare per la via principale, non si può lasciar scappare l’opportunità di farlo da lì. Prima quella, poi la Champions. Il pensiero dell’Inter.

Erick Thohir, patron nerazzurro, è stato chiarissimo a riguardo. Serve quel quarto, quinto o sesto posto che sia. Serve l’UEFA Europa League. Per una serie di discorsi, dal marketing all’immagine dell’Inter all’estero, dagli introiti alla possibilità di acquistare calciatori desiderosi di non accontentarsi del solo campionato italiano.

Il tycoon indonesiano sarà tra oggi e domani in Italia (era atteso per oggi, ma a causa degli scioperi sui voli internazionali, potrebbe sbarcare a Milano soltanto domani). Non c’è la sicurezza assoluta sul suo giorno di arrivo, probabile lo sbarco oggi senza pubblicità per evitare la ressa della stampa all’aeroporto. Poi parlerà. E per qualcuno non sarà piacevole.

Sì, perchè la prestazione dell’Inter contro il Livorno non è stata affatto positiva, neanche sufficente a conti fatti. Perdere tre punti così, facendosi recuperare due goal, tra l’altro con uno sciaugurato retropassaggio, non è affatto andato giù a Thohir, che potrebbe alzare la voce ad Appiano Gentile.

Il suo programma di viaggio prevede le solite riunioni in sede, il confronto con i giocatori e con l’allenatore Walter Mazzarri, oltre a diversi incontri lavorativi per il bene dell’Inter. Sette gare al termine dell’annata e tutti sotto esame, Thohir si è pian piano preso la società, promettendo per poi trasformare in realtà.

Prima mettere apposto i conti, poi calciomercato. E infatti dopo i dubbi iniziali sono arrivati due innesti come Hernanes, a gennaio, e Vidic, il prossimo giugno. Una buona base di partenza. L’Inter però non gli ha ancora dato vere soddisfazioni oltre, forse, il Derby di dicembre.

Thohir però pensa in maniera più ampia. Una stracittadina non basta, serve l’Europa dopo una stagione di lontananza. A tutti i costi. Per il calciomercato, l’appeal internazionale, la rinascita nerazzurra. Non si può più sbagliare come a Livorno. L’uomo di Giacarta comincia a farsi serio.

Fonte: goal.com