Tesoretto da calciomercato per l’Inter, Guarin al Galatasaray apre alla punta?

La trattativa con la Juventus si è arenata sul più bello (o appena in tempo, secondo la Nord), la priorità dell’ Inter però non è cambiata. Senza cessioni infatti, almeno per gennaio, niente acquisti. Acquisti reclamati a gran voce dalla piazza e, soprattutto, dal tecnico Mazzarri, per nulla contento del mancato arrivo di Vucinic.

In attesa di fare cassa con i tagli dei senatori, l’Inter dunque continua a lavorare in uscita. Il pezzo pregiato resta quel Fredy Guarin, tornato ad allenarsi alla Pinetina, ma che difficilmente sarà convocato per il match contro il Catania, in attesa di una cessione che pare inevitabile.

Ieri, sul colombiano, è piombato deciso il Galatasaray che, secondo quanto riportato dal ‘Corriere dello Sport’, avrebbe contattato l’Inter tramite un agente Fifa per imbastire una trattativa destinata a portare Guarin alla corte del’ex tecnico nerazzurro Mancini.

I turchi sarebbero pronti a mettere sul piatto una cifra compresa tra gli otto e i dieci milioni di euro, a dire la verità parecchio lontana rispetto alla richiesta di 13,5 milioni fatta dall’Inter. Possibile però che in corso Vittorio Emanuele abbassino le proprie pretese economiche pur di monetizzare e gettarsi sul mercato a caccia di rinforzi.

Da capire se Guarin accetterà il trasferimento a Istanbul, dopo aver a lungo accarezzato l’idea di accasarsi alla Juventus, e con alcuni club inglesi (Totteham su tutti) ancora pronti a tentarlo. Difficile che il colombiano decida di rinnovare il proprio contratto con l’Inter, tema che comunque sarà affrontato solo in caso di mancata cessione da qui al 31 gennaio.

Brutti segnali sul fronte entrate anche dall’affare Borussia Dortmund-Ranocchia, con i tedeschi pronti allo sbarco in Italia ma con un’offerta di soli sette milioni. Praticamente la metà rispetto alla valutazione dell’Inter, a questo punto poco disposta a lasciare partire il proprio difensore. Nel caso in cui Ranocchia dovesse salutare, salgono vertiginosamente le quotazioni di Paolo Cannavaro, vecchio pupillo del tecnico ai tempi di Napoli.

Il gruzzoletto incassato dalle eventuali cessioni di Ranocchia e Guarin però sarebbe davvero molto utile all’Inter soprattutto per sferrare l’attacco decisivo e regalare a Mazzarri la punta tanto invocata. Difficile però che possa essere Vucinic, sempre che Thohir non alzi la cornetta…

Fonte: goal.com