Taider, il riscatto a 6 milioni è difficile. Non è detto che col Sassuolo…

Con molta probabilità, Saphir Taider, centrocampista classe 1992, di proprietà Inter e vincolato ai nerazzurri fino al giugno del 2017, ma questa stagione in prestito al Sassuolo, dove ha messo insieme 26 presenze con 3 gol e 3 assist, tra campionato e coppa Italia, tornerà a Milano per fine prestito. L’intenzione, al momento, da parte del club presieduto da Squinzi, è quella di non dare seguito al diritto di riscatto, fissato lo scorso luglio, per 6 milioni di euro. Diritto e non obbligo, dunque.

A una settimana dal termine del torneo, le intenzioni sono queste: poi, non è detto che la situazione non possa cambiare, ed è possibile che le due società si parlino e intavolino altre trattative di mercato collegate tra loro. Un po’ quel che sta succedendo tra Inter e Chievo Verona per la trattativa del riscatto dei veronesi di Schelotto e il quasi sicuro passaggio di Zukanovic nelle fila nerazzurre. Insomma, 6 milioni sono davvero tanti per il Sassuolo, ma di formule alternative se ne possono trovare: appuntamento allora nelle prime due settimane di giugno.

FONTEfcinternews.it