Svolta Inter: pronto un contratto faraonico per Perisic, ma vale davvero più di…”

La resistenza sul mercato ha un prezzo. Un prezzo salatissimo, che l’Inter aveva già messo in preventivo. La permanenza di Ivan Perisic in nerazzurro, blindato in sede di mercato dai numerosi e serrati assalti del Manchester United di Mourinho, comporta delle riflessioni che la società ha già fatto in questi giorni. Il croato è rimasto a Milano quando ormai sembrava in procinto di salutare tutti, ma ora chiede garanzie immediate, sia sul presente che per quanto riguarda il futuro. Gli agenti del giocatore stanno imbastendo già da qualche settimana il maxi rinnovo con l’Inter, che ha messo Perisic al centro del progetto tecnico di Spalletti. Ma le prove d’amore di Suning dovranno essere ricompensate economicamente ed è per questo motivo che sarà fatto uno sforzo importante per un giocatore ritenuto fondamentale.

Perisic guadagnerà più di Icardi, ma il simbolo nerazzurro è sempre Maurito
Perisic firmerà nei prossimi giorni un contratto che lo legherà all’Inter fino al 2022, con un sostanzioso ritocco dell’ingaggio e una clausola rescissoria da 70 milioni di euro, somma che lo renderà appetibile in Premier League anche l’anno prossimo. Il croato guadagnerà circa 5.5 milioni di euro all’anno, diventando il vero e proprio top player dei nerazzurri. Sì, perché anche Mauro Icardi si ritroverà ad avere uno stipendio più basso, visto che l’argentino percepisce attualmente 4.7 milioni di euro a stagione. Se due più due fa quattro l’adeguamento del contratto di Perisic sembra un passaggio di consegne simbolico, con l’Inter che elegge il gioiello croato come uomo copertina 2017-2018.

Ma anche i numeri vanno interpretati e al centro del villaggio c’è sempre lui, un Icardi che già nelle primissime gare di stagione ha dato una straordinaria dimostrazione di forza. Il bomber ha subito legato con Spalletti e, a testa bassa, sta lavorando per dare lustro ad un gruppo che punta dritto alla Champions League. Icardi (e lo ha mostrato sul campo) vale ancora più di Perisic, nonostante un contratto più basso. Per parlare di soldi, dunque, ci sarà tempo: l’accordo con i nerazzurri è stato già modificato ad ottobre dell’anno scorso e per adesso sia l’Inter che l’attaccante hanno pensieri soltanto rivolti al campo. Non esistono distrazioni.