Stramaccioni: “l’Inter a caccia di un top player”

Andrea Stramaccioni durante il corso della lunga intervista concessa al canale tematico nerazzurro parla anche del discusso calciomercato :”Lo abbiamo dimostrato quest’estate, e sono convinto che lo confermeremo anche adesso,abbiamo le idee chiare.  C’è un progetto, è un momento particolare del calcio in generale e del calcio italiano quindi all’interno di una cornice di gestione di un badget l‘Inter si è mossa nella maniera corretta riuscendo a raggiungere alcuni obbiettivi di mercato a favore di altri che invece sono sfuggiti. Adesso dovremo colmare quei limiti che si sono manifestati in campo ma credo che a Gennaio non arriverà nessun grosso colpo. Sono molto realista su questo, stiamo seguendo alcuni giocatori che rappresenteranno il futuro dell’Inter ma non credo che tali colpi di mercato si concretizzeranno in questa sessione. Il presidente Moratti ha una gran voglia di rivedere l’Inter ai vertici e a tal proposito stiamo seguendo diversi calciatori cosiddetti “TOP“, ma non per Gennaio, bensì per l’Inter del futuro  Il mercato invernale è una finestra di riparazione e di occasione quindi è normale che quello che noi reputiamo essere un campione, un giocatore da Inter, sia difficile raggiungerlo in gennaio. Molto più importante porre le basi per portarlo alla Pinetina nel momento giusto”

Andrea Stramaccioni dunque sembra voler chiudere le porte a giocatori di un certa caratura, preferendo intavolare trattative che possano avvantaggiare l’Inter nel mercato di Giugno.
Ma quanto, in questa sua affermazione, il tecnico romano ha ragione ? e quanto ha torto?
I possessori di lunga memoria ricordano infatti, come l’Inter si sia accaparrata Fredy Guarin proprio al 31 Gennaio, riuscendo a strapparlo al Porto per una cifra nettamente più bassa rispetto al suo reale valore, approfittando del fatto che il giocatore in quel periodo fosse infortunato e  sembrava aver perso il posto da titolare. Nell’Inter attuale i giocatori arrivati a Gennaio non sono pochi, infatti considerando gli undici titolari, vediamo come Nagatomo, Ranocchia, Guarin e Juan siano tutti arrivati proprio nel mercato di riparazione.
Non è tutto, occorre inoltre ricordare che nel recente passato i dirigenti nerazzurri  hanno cercato più volte di raggiungere accordi verbali a gennaio per poi ufficializzarli a  giugno, senza però arrivare mai a nessun risultato favorevole. Ricordiamo su tutti Isla, Lucas, Sanchez.

La domanda da porsi è: E’ davvero così sbagliato intervenire sul mercato di gennaio? – forse dipende dai punti di vista, ovvero, se lo si fa tenendo conto di un progetto futuro, cercando di anticipare sul tempo le dirette concorrenti può sicuramente essere un punto a favore, se invece mediante  il mercato invernale si pretende rivoluzionare il campionato in corso, senza tenere in considerazione il naturale periodo di adattamento del quale ogni calciatore ha bisogno, beh, allora sarebbe sicuramente svantaggioso.