Stramaccioni “Mi sento parte del progetto”

“Non sono proprio aggettivi, ma rendono l’idea di quello che voglio per l’Inter: che abbia grandissima motivazione, che abbia gran voglia di lavorare e che sia desiderosa di ribaltare quello che è stato il verdetto dell’ultima stagione”.

Lo ha detto in conferenza stampa a Pinzolo l’allenatore dell’Inter Andrea Stramaccioni. “Credo che difficilmente il 6 luglio in serie A un allanatore possa avere a disposizione i calciatori che poi faranno parte in maniera definitiva della rosa o che inizieranno la stagione – ha poi aggiunto Stramaccioni – Ma visto che abbiamo pochi giocatori impegnati nelle competizioni europee abbiamo già una buona base che ci permettera’ di lavorare bene, perché a differenza di altri noi cominceremo prima”.

Sugli obiettivi stagionali Stramaccioni ha detto che sia lui che la squadra “Abbiamo poca voglia di promettere, ma soprattuto abbiamo voglia di fare. Vogliamo fare parlare il campo”. A chi gli ha chiesto se fosse più emozionato quando ha preso l’inter in corsa o adesso che la deve guidare dall’inizio, Stramaccioni ha risposto che il “Periodo emotivamente più intenso è stato l’inizio dell’avventura in prima squadra, adesso sono concentrato e coinvolto anche grazie al lavoro di equipe che stiamo facendo. La fine di questo campionato ha visto un’Inter dal punto di vista della società molto unita, abbiamo condiviso tantissime decisioni con una linea tecnica dettata dall’allenatore. Abbiamo un gruppo di lavoro nuovo e mi sento al centro di un progetto. Sono molto concentrato e motivato”.

L’Inter è stata tra le prime società a partire per il ritiro precampionato perché già il 2 agosto sarà impegnata nel preliminare di Europa League. “La preparazione sarà diversa dal solito – ha detto Stramaccioni – in meno di un mese, in 25 giorni, dobbiamo essere pronti a giocare. L’anno scorso ci ha insegnato che il preliminare può essere difficile per le italiane, abbiamo visto il Palermo uscire subito. Il nostro obiettivo e’ arrivare al 2 agosto pronti”.

Sull’importanza della competizione per il club, Stramaccioni ha detto che per l’Inter “L’Europa League è una competizione europea, è la nostra competizione europea, per noi è importante, io ci tengo, il presidente ci tiene e speriamo che domani la nostra Europa possa tornare a chiamarsi Champions”. Stramaccioni ha ammesso di avere chiesto informazioni a Guidolin sul tipo di preparazione che ha svolto il club friulano. “Ho parlato con lui perché l’Udinese è quella che è andata più avanti in Europa tra le italiane – ha spiegato – penso che avremo delle attenzioni particolari per affrontare le partite ravvicinate, avremo una rosa attrezzata al meglio per gestire il doppio impegno”.

Fonte: Eurosport