Sono il signor Miranda, risolvo problemi: “Qui per migliorare la difesa dell’Inter”

Kondogbia? Montoya? La permanenza di Handanovic e Icardi? No, per tantissimi tifosi e addetti ai lavori è un altro il grande colpo dell’estate nerazzurra. João Miranda de Souza Filho, ovvero il 30enne Miranda, centrale brasiliano acquistato dall’Inter come rinforzo per la difesa e titolarissimo della nuova stagione.

Arrivato a fine giugno in prestito oneroso (con riscatto obbligatorio a giugno 2016), Miranda è il grande colpo difensivo dell’Inter per conferire alla difesa esperienza. L’anno scorso fu Vidic il prescelto per tale compito, ma nè con Mazzarri prima e nè con Mancini poi il centrale serbo ha mostrato quanto fatto negli anni da capitano in quel di Manchester.

Ora un nuovo campione per la difesa, quel Miranda reduce da anni fantastici all‘Atletico Madrid, con il quale ha vinto in Spagna e in Europa. Non giocherà nè Champions nè Europa League in questa stagione, chissà che non possa militarci nella prossima. Obiettivo minimo, del resto, il ritorno continentale.

“Il nostro obiettivo è quello di vincere, avere una rosa vincente” le parole di Miranda in conferenza stampa. “La Champions League è il primo obiettivo. Per me scegliere Milano non è stato difficile, perché l’Inter è un grande club. Rappresenta una nuova sfida lavorativa”.