Vacanze di Natale ad Amsterdam… Regia di Massimo Moratti

“Vacanze di Natale ad Amsterdam” non é il nuovo film di De Laurentis, ma di cinema ce n’é comunque parecchio nel Natale dell’Inter.
Il protagonista indiscusso é lui, il folletto di Utrecht con annessa consorte Yolanthe Cabau dall’Olanda, che dall’iniziale telenovela di strada ne hanno fatta parecchio; innanzitutto in termini geografici: i due coniugi infatti sono partiti con anticipo per le vacanze invernali.
La motivazione ufficiale sono le vacanze anticipate, quella che poi ormai non é nemmeno più tanto nascosta é che Sneijder e il club nerazzurro sono separati in casa. Ancora per poco. Infatti se a gennaio ci sarà la possibilità concreta di venderlo, l’Inter non avrà dubbi nel farlo. Le qualità del giocatore sono indubbie, sia chiaro, e ciò che lui ha fatto, il suo apporto al club altrettanto, ma la società ha nuovi progetti, cioè avere un progetto a lungo
termine, perdonate il gioco di parole.
Certamente se dovesse andare via l’olandese non si potrà pensare che verrà subito rimpiazzato con un giocatore di pari valore, ma forse con uno che sarà più motivato e che si adatterà meglio al modulo che stiamo usando e alle idee di tutti, Presidente compreso.
Non che Sneijder non possa essere utile a questa Inter (qualche maligno vocifera di un attrito con Strama, non potrebbe invece essere che il tecnico “Made in Inter” prenda spesso e volentieri le parti del club?”) ma il dato concreto é che si é fatto forzatamente a meno di lui ed é chiaro che se non si trova un accordo si farà a meno ancora di lui. Per sempre.
Perciò mettere il trequartista sul mercato significherebbe avere la concreta possibilità in termini economici di monetizzare e poter avere liquidità per fare nuovi acquisti. Giocatori freschi, in linea con il progetto della società e con le idee del Mister.
A quel punto sarebbe vincere facile trovare un vice Milito, un ariete che possa anche accettare la panchina perché titolare per questa stagione rimarrá l’argentino. Ci vorrebbe allora una via di mezzo tra Huntelaar ( che vede bene la porta, ma che vorrebbe sempre giocare da titolare) e Pinilla (che potrebbe arrivare in prestito come Palombo l’anno scorso – augurandoci che giochi diversamente); l’idea che propongo “Inter Nos” é Marouane Chamakh, marocchino dell’Arsenal, classe ’84, un metro e ottantotto per settantotto chili lo abbiamo visto anche con la sua Nazionale Marocchina.
To be continued…