Inter: “male – male” Stramaccioni inciampa a Siena

Ancora un passo falso per l‘Inter che perde l’ennesima occasione per raggiungere la Lazio che inaspettatamente inciampa al Ferraris di Genova.

La squadra di Stramaccioni è apparsa fin da subito svogliata e soprattutto messa male in campo, si inizia con il canonico 3-5-2, kuzmanovic subito nella mischia ed accanto a lui agisce Javier Zanetti, schierato ancora una volta, inspiegabilmente come interno di centrocampo.
Nei primi 20 minuti l’Inter tenta di mantenere il possesso palla, il palleggio dei nerazzurri è comunque sterile ed il Siena fa male nelle ripartenze. Al minuto 21 Rubin scappa sulla fascia, va via a Schelotto e Kuzmanovic, arriva sul fondo e crossa al centro, dove Emeghara, in dubbia posizione di fuorigioco mette alle spalle di Handanovic.
Al minuto 22 l‘Inter ha il merito e la fortuna di trovare subito il pareggio, Cassano riceve palla sulla sinistra, si accentra e tenta il cross per Nagatomo, il giapponese non riesce ad impattare ma il suo movimento inganna tutti e la palla calciata dal barese rimbalza a terra e va ad infilarsi nell’angolino.

Si prova ad invertire la tendenza ma l’Inter continua a soffrire e la fascia destra è il settore più in difficoltà, dove Zanetti e Schelotto non riescono in nessun modo a contenere il modestissimo Sestu. Proprio il giocatore di origini Sarde al 25′, dal limite dell’area non trova l’opposizione di nessuno, sistema con tutta calma la palla sul destro e con una bellissima conclusione a giro beffa Handanovic sul secondo palo: Tutto troppo facile, si va al riposo sul 2 a 1 per il Siena.

Stramaccioni prova a risistemare la squadra inserendo Kovacic per Schelotto, Zanetti scala sulla fascia ed il giovane ex Dinamo prova a dare qualità al centro del campo. Al minuto 11 pero’, l’Inter deve capitolare ancora una volta. Sestu scappa sulla fascia, vede il movimento in profondità di Emeghara, lo serve con un fendente preciso, l’attaccante a tu per tu con Handanovic viene steso in area di rigore da Chivu: Cartellino rosso e rigore per i toscani. Rosina dal dischetto realizza con freddezza.

Partita pessima dell’undici nerazzurro, stramaccioni ha molte responsabilità, ancora una volta si intestardisce nel piazzare il capitano come interno di centrocampo, mentre Guarin da mezzala sembra essere stato “adattato” definitivamente nel ruolo di trequartista, troppi uomini fuori posizione e questa volta non ci si può’ assolutamente appellare alla scarsa qualità. Gli errori commessi dal tecnico sono stati troppo evidenti per passare inosservati, l‘Inter tenta troppe giocate singole trasmettendo un concetto di squadra troppo improvvisato.
La zona champions è ancora vicina ma con questo gioco la strada diventa sicuramente in salita: Stiamo uniti.