Serie A, pugno duro degli arbitri con chi protesta: sarà subito giallo!

A bilanciare la nuova norma sul cumulo di gialli, in Serie A ci sarà maggiore severità per chi protesta: subito ammonizione, con rischio di un rosso in pochi secondi.

Una decisione dell’arbitro non condivisa e subito tanti giocatori a circondarlo e a protestare nei suoi confronti. Una scena che capita di vedere spesso in Serie A. Anche per questo dalla prossima stagione sono in arrivo novità importanti nei confronti per quei calciatori dalla protesta facile.

A rivelarlo è ‘La Gazzetta dello Sport’, secondo cui, a bilanciare la norma che allunga a 5 gialli lo stop per squalifica, in ottemperanza di quanto richiesto da FIFA e UEFA, ci sarà una minore tolleranza verso le lamentele in campo.

In particolare, secondo il quotidiano sportivo milanese, il designatore Domenico Messina darà indicazioni precise ai suoi arbitri, in ritiro da domani a Sportilia, chiedendo di estrarre subito il cartellino giallo nei confronti di chi protesta e il doppio giallo in pochi secondi, e dunque l’espulsione, per i più esagitati.

Una vero giro di vite, insomma, per debellare il fenomeno, che comporterà gioco forza un aumento notevole dei cartellini complessivi.

Soltanto i capitani, qualora lo faranno civilmente e senza gesti plateali, potranno avvicinarsi dall’arbitro e chiedere spiegazioni, altrimenti anche loro potranno essere ammuniti.