Sempre più Inter di Thohir, ma il bilancio parla chiaro: -7 mln ogni mese

Quando lo scorso novembre, Erick Thohir acquistò le quote di maggioranza dell’Inter, in cuor suo sapeva benissimo che gli ostacoli da superare per rendere la società leggera e virtuosa sarebbero stati molti. A tre mesi dal fatidico passaggio di mano, c’è ancora molto da sistemare.

Quest’oggi Thohir ha in agenda ben due cda. Quello della controllata ‘Inter Brand’ e quello vero e proprio dell’Fc Internazionale Milano. Alle 14,30 oltre a presentare ai membri il nuovo tassello del board che prenderà la poltrona dell’uscente Roeslani, lo stesso tycoon formalizzerà il ritiro delle quote proprio di Roeslani, salendo così al 56% del potere.

In questi giorni verrano poi sbloccate le garanzie con le banche che ammontano a circa 144 milioni e che fino ad ora erano ancora rimaste sotto in nome dei Moratti. Poi ci sarà lo spinoso nodo del bilancio. Il cda non potrà far altro approvare perdite che difficilmente saranno meno pesanti degli 82,7 milioni di passivo dello scorso anno. A conti fatti, l’Inter perde 7-8 milioni di euro al mese. E senza Champions anche il prossimo anno (almeno così dice per ora la classifica) la strada per l’obiettivo del pareggio fra un paio d’anni è davvero dura.

Oltre alle solite riunioni lato marketing e commerciale, Thohir incontrerà Piero Ausilio a cui sono stati dati pieni poteri per le gestione dell’area tecnica. In primis i rinnovi (come detto ieri quelli di AlvarezGuarin e Palacio) e quindi uno sguardo verso la sessione estiva, sia per gli acquisti che per le cessioni (vera macchia di Marco Branca).

Fonte: goal.com