Scontri a Napoli, Caravita accusa: “Agli interisti tante manganellate. Come sono entrati i napoletani?”

Franco Caravita, storico leader della Curva Nord dell’Inter, ai microfoni di Telelombardia ha fornito la sua versione dei fatti in merito agli scontri avvenuti prima di Napoli-Inter davanti allo stadio San Paolo: “Sono partiti due pullman per Napoli e arrivati allo stadio ne hanno fatto entrare solo uno per volta. hanno perquisito tutti prima di lasciarli accomodare nel settore ospiti, dove ad un certo punto si sono presentati gli ultras del Napoli incappucciati e armati di cinghie e bastoni. Ovviamente i nostri tifosi si sono difesi per rispedire i napoletani nel proprio settore di appartenenza. Poi è arrivata la polizia, i napoletani si sono dileguati, e gli interisti hanno subito moltissime manganellate dietro la schiena, ho visto personalmente le condizioni di alcuni di loro. Mentre ai napoletani, niente. Ci poniamo una domanda: come sono entrati? E’ complicato giungere nel settore ospiti del S.Paolo, sembra un carcere, bisogna attraversare molti cancelli. Come hanno fatto a passare inosservati? É lecito pensare alla malafede, qualcuno può aver lasciato appositamente incustodito il passaggio, favorendo l’ingresso dei napoletani nel settore ospiti”.