Scintille di calciomercato tra Juventus e Inter

Il derby d’Italia non si limita unicamente al calcio giocato. No, affatto. Juventus e Interduellano anche sul mercato, ponendo le rispettive attenzioni sulla linea verde. In un periodo storico di magra per il calcio del Belpaese, arrivare per tempo sui campioni del domani rappresenta una lettura manageriale perspicace. E sia a Torino che a Milano, pur pensando principalmente all’attualità e ai risultati da ottenere nell’immediato, tiene banco il tema giovani.

I profili seguiti da bianconeri e nerazzurri sono molteplici. In Serie A, autore di un ottimo avvio di campionato, c’è Mattia Caldara dell’Atalanta; classe ’94, cresciuto enormemente in poco tempo grazie alle linee guida di Gian Piero Gasperini, è destinato a diventare un uomo mercato in estate. Madama, con tanto di blitz recente allo stadio ‘Atleti Azzurri d’Italia’, ha iniziato a valutare attentamente il profilo. Mentre l’Inter, impegnata su altre priorità, conosce perfettamente questo giocatore dai tempi delle categorie giovanili.

Sempre rimanendo in Lombardia, le prestazioni di Leonardo Morosini con il Brescia non fanno più notizia. Centrocampista offensivo, 21 anni e scontati margini di miglioramento, di Milano conosce già molto; dal 2003 al 2008 in nerazzurro, una fede mai nascosta e il sogno di diventare il nuovo Sneijder.

L’Inter, valutando l’esplosione a distanza di un proprio prodotto, vorrebbe riportarlo alla base, magari spalleggiata da un club amico. Non è un mistero che, ad esempio, il Genoa sia sulle tracce del diamante di Ponte San Pietro da diverso tempo. Sponsor principale: Ivan Juric. I rossoblù proveranno a trovare un’intesa con le Rondinelle in vista della sessione di riparazione, dialogo caldo in atto. E la Vecchia Signora? Monitora e valuterà le mosse da adottare in futuro. D’altronde, vedi le operazioni Sturaro e Mandragora, i campioni d’Italia sanno come ingolosire il club di Enrico Preziosi.

Riccardo Orsolini: 13 gettoni stagionali e 3 goal. Il 19enne esterno offensivo di proprietà dell’Ascoli è finito prepotentemente nel mirino della Juventus, la quale sarebbe riuscita a racimolare un canale preferenziale nell’ambito della cessione temporanea di Francesco Cassata (’97) in terra marchigiana. Gli scout bianconeri valutano i progressi del ragazzo e, contemporaneamente, monitorano la concorrenza; qui l’Inter potrebbe entrare in gioco nelle prossime puntate, qualche contatto abbozzato.

L’Inter, valutando l’esplosione a distanza di un proprio prodotto, vorrebbe riportarlo alla base, magari spalleggiata da un club amico. Non è un mistero che, ad esempio, il Genoa sia sulle tracce del diamante di Ponte San Pietro da diverso tempo. Sponsor principale: Ivan Juric. I rossoblù proveranno a trovare un’intesa con le Rondinelle in vista della sessione di riparazione, dialogo caldo in atto. E la Vecchia Signora? Monitora e valuterà le mosse da adottare in futuro. D’altronde, vedi le operazioni Sturaro e Mandragora, i campioni d’Italia sanno come ingolosire il club di Enrico Preziosi.

Chi farà parlare di sé, avvalendosi di qualità cristalline, è il bomber svedese Alexander Isak. L’AIK Solna, club che ne detiene i diritti sportivi, già pregusta un’entrata economica da urlo. E fa bene. Diciassettenne, autore già di 11 centri in quest’annata, è diventato il nome del momento; Premier League, Bundesliga, Ligue 1 e Liga, tutte follemente innamorate del baby fenomeno scandinavo. In questa lista va aggiunta anche la Serie A, Juventus e Inter tra le più attive nella richiesta di informazioni. Tanto per non annoiarsi mai.

FONTEgoal.com