Scandalo alla FIFA: arresti per corruzione

Le autorità svizzere hanno arrestato a Zurigo alcuni responsabili della FIFA per corruzione, tra cui il vicepresidente Webb. Blatter non sarebbe accusato.

A due giorni dalle elezioni di venerdì, la FIFA è costretta a ingoiare l’ennesimo scandalo. E stavolta, scattano pure gli arresti: le autorità svizzere si sono introdotte in un hotel di Zurigo alle prime luci dell’alba, arrestando tre esponenti massimi dell’organizzazione. L’accusa? Corruzione.

È il ‘New York Times’ a raccontare i fatti, precisando che una dozzina circa di ufficiali si è introdotta al Baur au Lac, hotel di lusso della città, prelevando dalle proprie camere i massimi responsabili della FIFA, presenti per un meeting annuale. I quali si sono fatti trasportare all’esterno della struttura in maniera pacata, senza bisogno delle manette.

L’esponente maggiore tra le persone arrestate è Jeffrey Webb, presidente della CONCACAF e vicepresidente dell’organizzazione. Gli altri sono Eugenio Figueiredo, vicepresidente del comitato esecutivo, e Jack Warner, membro esecutivo.

L’accusa di corruzione è stata mossa dagli Stati Uniti, dove nei prossimi giorni – come riportano fonti citate dallo stesso ‘NYT’ e legate alla ‘CNN’ – una quindicina di persone potrebbe finire a giudizio. Tra questi non ci sarebbe Sepp Blatter, presidente della FIFA dal 1998 e in corsa per il quinto mandato.

Le parole di un ufficiale giudiziario allo stesso quotidiano americano sono eloquenti: “Questa cosa andava avanti da tantissimo tempo e ha coinvolto ogni parte della FIFA. Ha permeato ogni parte della Federazione. Era il modo di fare business di queste persone. Sembrava quasi che la corruzione fosse istituzionalizzata”.

FONTEgoal.com