C’è il Sassuolo, Pioli vuole una nuova Inter da trasferta

Reduce dalla bella vittoria interna contro il Genoa, l’Inter cercherà domenica, sul campo di un Sassuolo che sta vivendo un momento di difficoltà, ulteriori punti per tornare a scalare la classifica e per riavvicinarsi alle squadre che al momento stazionano nelle posizioni più alte.

Stefano Pioli, a due giorni dal match del Mapei Stadium, ha presentato la sfida nella consueta conferenza stampa: “La vittoria contro il Genoa ci ha fatto bene, è sempre così quando si vince ma adesso dobbiamo pensare solo alla sfida con il Sassuolo. Dobbiamo vincere di nuovo, portare a casa i tre punti sarebbe importante per il nostro cammino”.

L’Inter in questa stagione ha faticato non poco in trasferta: “I numeri sono fatti per essere smentiti”.

Nel corso delle ultime settimane, si è parlato di un Banega sempre meno protagonista in questa Inter: “Parliamo di un professionista e di un grande giocatore. Stiamo cercando di trovare la soluzione migliore per tutti, sono convinto che ci darà una mano”.

L’Inter è stata un rullo compressore ultimamente tra le mura amiche di San Siro, lontano da Milano però ha spesso sbagliato l’approccio alle partite: “E’ capitato solo a Napoli, se guardiamo alle altre partite le abbiamo sempre approcciate bene. Affrontiamo gli avversari tutti allo stesso modo, siamo l’Inter e dobbiamo sempre cercare la vittoria. Il Sassuolo? C’è un profondo rispetto per una squadra che ha anche un ottimo allenatore ma vogliamo vincere”.

Il tecnico nerazzurro non vuole stilare tabelle di marcia: “Chiudere il girone d’andata a quota 30? Pensiamo al Sassuolo e poi alla prossima partita. Non abbiamo mai vinto tre gare di fila e vogliamo riuscirci ora. Dobbiamo ancora migliorare in diverse cose, dalla velocità della palla ai movimenti senza palla, ma ci sono anche aspetti positivi come la disponibilità del gruppo. Adesso dobbiamo ritrovare continuità”.

Pioli si è soffermato anche su Felipe Melo e Medel: “Melo è un giocatore fisico che può dare il suo contributo. Medel è uno di personalità, può giocare in diversi ruoli e questo è un vantaggio per noi. Mi piacciono le squadre che possono cambiare sistema di gioco ed è importante avere giocatori duttili”.

FONTEgoal.com