Sampdoria-Inter (0-4): Handanovic insuperabile, Icardi e Palacio che coppia!

Handanovic-pagelle

Handanovic: 8 (migliore in campo) – Nel primo tempo blinda il risultato con quattro interventi strepitosi tra i quali un rigore parato. SARACINESCA

Rolando: 6 – La Sampdoria raramente affonda dal suo lato e quando viene chiamato in causa si fa trovare pronto. CONCRETO

Ranocchia: 5 – Dopo poco il gol del vantaggio commette un fallo stupido da rigore che poteva cambiare faccia alla partita. Ammonito salterà il match di Parma. AVVENTATO

Samuel: 6,5 – Controlla senza problemi Maxi Lopez e realizza il gol che mette in discesa il match. ROCCIA

D’Ambrosio: 5,5 – Nel primo tempo va in crisi e subisce le folate doriane. In attacco ancora troppo impreciso. PASTICCIONE

Kovacic: 6,5 – Prestazione convincente del giovane centrocampista croato che svolge al meglio il compito assegnatoli da mister Mazzarri rifornendo buon palloni ai suoi compagni. ILLUMINATO

Cambiasso: 6,5 – Nel primo tempo cerca da solo di mettere una pezza ai continui attacchi doriani dato che Hernanes lo lascia solo a se stesso. Non sarà più veloce come una volta ma si aiuta con il suo  senso di posizione. ESPERTO

Hernanes: 5 – Nel momento più brutto del primo tempo si estranea dal gioco non aiutando a centrocampo lasciando solo Cambiasso al suo destino. INESISTENTE

Nagatomo: 6 – Partita senza sbavature in difesa e senza lampi in attacco. ANONIMO

Palacio: 7,5 – Due assist, un gol e tanto lavoro e sacrificio per la squadra. INESAURIBILE

Icardi: 7,5 – Seconda doppietta consecutiva per l’argentino. Alla prima boccia toccata non perdona, nel primo tempo tiene alta la squadra aiutandola a rifiatare e nella ripresa chiude la partita. Peccato per la stupida ammonizione dimostrando di dover smussare alcuni suoi comportamenti extra calcistici. IMPLACCABILE

Alvarez: 6 – Ottimo impatto dell’argentino sul match, lavora bene tra le due linee di centrocampo ed attacco e regala a Palacio l’assist per il poker finale. BRILLANTE

Taider: sv

Milito: sv

Mazzarri: 6 – Il risultato è tanto netto quanto bugiardo per quello visto nel primo tempo dove la Sampdoria in inferiorità numerica domina per grandi tratti. Da rivedere la tenuta mentale della squadra la quale sembra estraniarsi in alcuni momenti dal match. ARRABBIATO