Sampdoria-Inter 0-4: dopo i miracoli di Handanovic arriva la vittoria!

Sampdoria-Inter 0-4
Sampdoria-Inter 0-4

Nonostante per questa partita si parli solo del duello Maxi Lopez-Icardi per le note vicende extra-calcistiche, il campo mette faccia a faccia anche gli altri giocatori di Sampdoria e Inter, nella gara valida per la 33° giornata della serie A 2013/14. Walter Mazzarri, che torna a Genova da ex, lancia nella formazione titolare Mateo Kovacic, autore di una buona prova contro il Bologna sabato scorso. Per il resto, Handanovic tra i pali. Difesa a tre con Ranocchia, Samuel e Rolando. Esteban ‘Il Cuchu’  Cambiasso perno di centrocampo con Hernanes e il già citato Kovacic a supporto come interni, mentre sulle fasce Nagatomo e D’Ambrosio. Confermati in avanti Rodrigo Palacio e naturalmente Mauro Icardi.

Situazione nella norma per i primi 12’ in cui la Samp pare tenere in mano la partita pur non rendendosi pericolosa. I nerazzurri invece, al primo affondo, passano: cross dalla destra di Palacio per Icardi che si coordina e di destro batte Da Costa. Il numero 9 nerazzurro va poi a irridere i suoi ex tifosi. La partita si mette quindi (teoricamente) in discesa, ma dopo il gol l’Inter scompare. Non si possono infatti annoverare vere e proprie occasioni dopo il gol per la formazione nerazzurra. È infatti la squadra genovese a creare le più pericolose occasioni del primo tempo, ma sulla sua strada trova un Samir Handanovic in uno stato di forma strepitoso, che salverà il risultato almeno quattro volte: Al 17’ su Maxi-Lopez , a cui para un rigore concesso per un ingenuo fallo di Ranocchia su Gastaldello, al 33’ ancora sull’angolato destro di Maxi, qualche minuto dopo, al 35’ sulla punizione di Sansone e infine, al 45′ su una girata da distanza ravvicinata  di Soriano. Nel corso di questo ‘tiro al bersaglio’ doriano c’è anche da segnalare l’espulsione di Eder. Ammonito in precedenza, viene punito per una rissa con Samuel che a sua volta prende il giallo. E così, dopo 1’ di recupero si chiude il primo tempo con i nerazzurri in vantaggio.

Cambia decisamente registro l’Inter durante la seconda la frazione, e questo periodo culmina con il secondo gol al 60’. Un minuto prima Palacio, smarcato bene, arriva davanti a Da Costa ma il suo tiro viene respinto in angolo. Sul secondo tentativo, scaturito da questa respinta, Samuel stacca di testa in area doriana e infila Da Costa. 2-0 per i nerazzurri che da qui in poi dilagano. Prima con Icardi, al 63’, che mette a segno la sua seconda doppietta personale in due partite, dopo un passaggio smarcante di Palacio, e infine con ‘Il Trenza’ stesso a dieci minuti dal 90’finalizza una bella azione e mette dentro il 4-0 che sarà poi il risultato finale. Si rivede anche Taider che sostituisce Hernanes. Non giocava da Inter-Chievo.

Partita a due facce quella di oggi: brutta Inter nel primo tempo, salvata dal suo portiere Handanovic che chissà, potrebbe ricominciare quanto di buono visto lo scorso anno. Arrembante nel secondo tempo dove schiaccia completamente la Sampdoria e porta a casa una preziosissima vittoria. Altra prova positiva di Icardi, fischiatissimo, e di Kovacic, che potrebbe aspirare a una maglia da titolare per le ultime partite.