Rooney, Tevez o Dzeko a gennaio

Il calciomercato Inter non si ferma neanche di fronte alla pesante sconfitta subita in casa ad opera della Roma di Zeman.
Il patron nerazzurro subito convinto dalla sconfitta contro la Roma. All’Inter servono ancora un paio di innesti e a gennaio il calciomercato sarà ancora più scoppiettante di quello visto in estate. Pronti due colpi in mediana e in attacco. Ecco i nomi
Lo ha detto egli stesso alla fine del match perso contro la Roma: “la sconfitta può esserci utile”. Per ora è stata utile a convincere Moratti che non si è fatto tutto il necessario durante il calciomercato estivo, l’organico a disposizione di Stramaccioni infatti ha delle falle che fino al prossimo gennaio andranno tamponate alla meglio sperando che gli interpreti chiamati a tirare la carretta si diano da fare per ridurre al minimo l’eventuale gap in classifica con le prime. Mancano il famoso centrocampista, un attaccante anche con caratteristiche diverse da Milito e quindi in grado di variare gli schemi offensivi, e probabilmente un difensore centrale nel caso in cui Samuel non dovesse tornare quello delle ultime stagioni. Ranocchia sembra sulla strada buona per tornare ad essere quel difensore su cui tutti puntavano un paio di anni fa ma non basta perchè sin dalle prime uscite si è capito come la coppia ideale sarebbe quella costituita da lui e Samuel anziché con lo spaesato Silvestre.
L’argentino ex Palermo sta pagando la grande squadra, potrebbe anche rimettersi in carreggiata ma ad oggi le speranze che ciò avvenga sono ridotte al lumicino. Chivu è ancora rotto e non sappiamo quanto Stramaccioni voglia poi puntare sul rumeno. Dunque o arriva l’esplosione improvvisa di Juan Jesus, cosa per altro possibile, ad essere ottimisti, oppure a gennaio fra gli obiettivi di calciomercato l’Inter dovrà inserire anche un mastino della difesa da affiancare a Ranocchia. Ad ogni modo, essendoci al momento delle alternative sulla carta valide è possibile che nel corso dei prossimi mesi le cose possano sistemarsi consentendo a mister Stramaccioni di avere una solida retroguardia. Ma a centrocampo e in attacco la finestra di mercato invernale deve essere utilizzata al massimo per raggiungere almeno due obiettivi: Paulinho e un bomber. Per il brasiliano ad oggi si dice che l’affare sia già fatto, il volante del Corinthians era stato già preso da Branca a luglio ma la volontà del giocatore di disputare il mondiale per club, dopo aver trascinato il Timao alla conquista della Libertadores, ha fatto prendere tempo a Paulinho che però avrebbe già un intesa totale con l’Inter per il trasferimento a gennaio alla corte di Stramaccioni. L’arrivo del brasiliano andrebbe ad aggiungere grande qualità e ulteriore quantità al centrocampo interista, nuova linfa tecnico-tattica che gioverà senza dubbio per la seconda parte di stagione quando l’obiettivo minimo della qualificazione alla prossima Champions League potrebbe ancora essere vivo nonostante i problemi di questo inizio di stagione. Insieme a Paulinho sarà caccia anche ad un attaccante centrale che, a differenza di quanto si è detto nell’ultimo mese di mercato agostano, non avrà necessariamente le stesse caratteristiche di Milito volendo Stramaccioni poter contare anche su una variazione dei temi tattici offensivi. I nomi portano all’estero, il giocatore in questione sarà un top nel suo ruolo ed è probabile che, stando a quanto si vocifera in questi giorni negli ambienti nerazzurri, gli occhi degli esperti di mercato a breve saranno orientati verso Manchester dove giocano gente come Rooney, Tevez e Dzeko. Manca ancora molto alla riapertura delle trattative per il calciomercato di riparazione ma certe operazioni vanno prese alla distanza perchè difficili da mandare in porto soprattutto a stagione in corso. In ogni caso la lista dei nomi che nei prossimi mesi scalderanno gli entusiasmi dell’Inter e dei suoi tifosi è composta dai tre giocatori citati. Vedremo se col passare dei giorni arriveranno conferme o riscontri importanti in merito a queste strategie di Branca e Ausilio.

Fonte: europeo2012.it