Rocchi, take Care(w)!

La stagione è stata costellata da alti e bassi, e probabilmente il “colpo di grazia” è stato l’infortunio di Milito. Certo, il campionato non è compromesso, ma sicuramente ha preso risvolti inaspettati, che nessuno si augurava.
L’attacco, orfano di Milito, sarà sicuramente meno incisivo e i soli Cassano e Palacio non potranno essere titolari fino a fine campionato, considerando anche le partite di Europa League. L’Inter aveva agito in anticipo comprando Rocchi, ma sinceramente, ora più che mai, sembrano soldi investiti malissimo per non dire buttati. L’attaccante alle porte dei 36 anni non è fisicamente pronto. È una frase che ci sentiamo ripetere da Gennaio, ma ora? Una prima punta è necessaria, per cui aumentano i rimpianti per la cessione di Livaja, lasciato con troppa facilità all’Atalanta che ora si gode le sue doppiette, e i dubbi sulla prolificità del mercato nerazzurro.
Adesso che siamo impegnati ancora su tre fronti (Tim Cup, EL, e terzo posto) restiamo a guardare impotenti, o meglio frughiamo tra gli svincolati. Tutti over30, lontani dai campi da mesi, dalla forma fisica necessaria per giocare in A, quasi tutti alla ricerca di strade alternative. Tra questi c’è John Carew, ex attaccante, famoso per le sue esultanze e per il suo ultimo thriller. Giunto a Milano ieri, per provare a “giocare la partita della vita”. Lui stesso non avrebbe mai immaginato di indossare la maglia nerazzurra, specialmente a carriera (quasi) chiusa, eppure ecco gli strani scherzi del destino. L’Inter che partiva in Campionato con uno dei reparti offensivi più prolifici della serie A, si ritrova a brancolare nel buio per una punta per concludere questa stagione al più presto, in attesa del mercato estivo e del ritorno del Principe.
Per fortuna con Carew vogliono tutelarsi e non prendere decisioni affrettate, come già fatto in passato. Il giocatore resterà a Milano per un paio di settimane, si sottoporrà a vari test fisici e si deciderà se tenerlo o meno.
Rocchi intanto sta a guardare, aspettando forse il centesimo gol che chissà quando arriverà.
Dear Rocchi don’t worry and take Care(w)!