Rinnovo Emirates-Milan, Pirelli alle strette: 12,2 mln non bastano. Ecco il divario…

“Aumentare i ricavi”. E’ questo il diktat di Erick Thohir, ripetuto a pieni polmoni anche dopo l’ultima assemblea dei soci. Per dare nuovo slancio alle entrate nerazzurre, è evidente che il primo passo debba essere una nuova discussione con lo sponsor ufficiale dell’Inter: la Pirelli.

Nell’ultima stagione, la Pirelli ha fornito all’Inter 12,293 milioni di euro, cifra molto lontana dai 60 milioni che prende il Manchester United dalla Chevrolet ma anche ormai lontana dagli introiti garantiti a Milan e Juventus da Emirates e Jeep: 17 milioni di euro sicuri più 3 milioni di euro di bonus annuali legati ai risultati sportivi.

E’ evidente che l’accordo Pirelli-Inter, che scade nel 2016, vada rivisto per mantenere la società nerazzurra in linea quantomeno con le altre due big italiane. Altrimenti, come ha spiegato in maniera molto netta il nuovo CEO Michael Bolingbroke, le strade potrebbero anche separarsi dopo un ventennio di collaborazione.

Ecco la classifica degli introiti legati agli sponsor ufficiali (cifre Calcio & Finanza):

1) MAN UTD (60 mln Chevrolet)

2) ARSENAL (38 mln Emirates, cifra che comprende i naming rights dello stadio fino al 2028)

3) BARCELLONA (36 Qatar)

4) BAYERN MONACO (32 Deutsche Telekom)

5) REAL MADRID (32 Emirates)

6) LIVERPOOL (25 Standard Chartered)

7) MAN CITY (25 Etihad)

8) PSG (25 Emirates)

9) CHELSEA (23 Samsung)

MILAN (17 + 3 Emirates)

JUVE (17 + 3 Jeep)

INTER (12 Pirelli)

FONTEfcinter1908.it