Riapre la Curva Nord e torna l’entusiasmo

Ogni tanto la giustizia si fa valere, è il caso che riguarda la riapertura della curva nord ai tifosi nerazzurri, sarebbe stato davvero scandaloso se non fosse stato modificato il provvedimento che avrebbe impedito ai tifosi di partecipare ad una partita così importante e sentita. La Corte di Giustizia Federale ha infatti accolto il ricorso dell’Inter, che sottolineava che solo una minoranza di tifosi, ne sono stati individuati 12, era coinvolta nei cori contro i Napoletani, e ha sospeso la chiusura della curva nord per il derby di domenica. Marco Fassone, direttore generale dell’Inter, ha commentato la decisione della Corte di Giustizia dicendo che sarebbe stata davvero un’ingiustizia chiudere un settore di 8000 posti per colpa di poche persone. Il fatto che la decisione sia stata modificata dimostra quanto sia confutabile la norma che sta alla base di tale provvedimento, quanto accaduto dovrebbe far riflettere chi di mestiere che c’è qualcosa che va modificato per quanto concerne questa norma, bisognerebbe trovare un provvedimento che non penalizzi chi non ha colpe, perchè chi paga un abbonamento o compra un biglietto in anticipo deve poi avere il diritto di usufruire di ciò che ha pagato, senza veder lesa la sua possibilità di scelta. Una partita senza curva, in particolar modo un derby, in cui la fantasia impiegata dai tifosi per le coreografie si supera di volta in volta e costituisce la ciliegina sulla torta di un evento così importante, avrebbe lasciato tutti con l’amaro in bocca. Alla fine tutto è bene quel finisce bene.