Ranocchia si conferma, Alvarez è imprescindibile, disastro Guarin

Andrea RanocchiaParallelamente alle domande che da ieri sera stanno persuadendo la mente di Thohir, Mazzarri e dirigenti dell’Inter per quanto riguarda l’ennesimo arbitraggio sfavorevole subito contro l’Udinese la gara con i friulani va analizzata anche dal punto di vista tattico, come tutte quelle che ci saranno da qui alla fine della stagione, soprattutto in ottica della prosecuzione del progetto nerazzurro nel prossimo anno. Andrea Ranocchia si è confermato ancora su altissimi livelli, il numero 23 per la terza gara consecutiva è stato tra i migliori in campo se non il migliore non sbagliando mezzo intervento e dimostrando di essersi messo alle spalle il periodo buio che stava attraversando. La delusione della serata è stato Fredy Guarin, il colombiano dopo aver firmato il rinnovo di contratto ha inanellato due prestazioni orribili, dopo 51′ di nulla Mazzarri è stato costretto a toglierlo per inserire Ricky Alvarez. L’argentino al contrario del numero 13, nonostante la solita avversione dei tifosi nei suoi confronti, è entrato subito in partita correndo per tutto il campo, saltando sempre l’uomo e sfornando assist a ripetizione, Ricky Maravilla è stato la scintilla che ha permesso all’Inter di effettuare il forcing finale nell’ultima mezz’ora.

Fonte: europacalcio.it