Ranocchia: “Non è colpa di Mazzarri. Loro correvano di più…”

Andrea Ranocchia
Andrea Ranocchia

Andrea Ranocchia prova a dare una spiegazione a quanto successo all’Inter col Cagliari. “Ho visto un Cagliari che ha corso dall’inizio alla fine e pure tanto. Non so perché corressero più di noi, qualche giocatore era un po’ stanco e dopo l’espulsione abbiamo fatto fatica. Ma la colpa non è di Mazzarri, è di tutti perché tutti abbiamo fatto degli errori. Se vogliamo puntare in alto ora dobbiamo voltare pagina tutti assieme”, ha detto a Tiki Taka.

“Il gioco offensivo dell’Inter? A me non fanno impazzire i numeri: l’importante è con quanti uomini attacchi la porta. Il segnale che vogliamo dare è di voler vincere tutte le partite. Abbiamo grandi giocatori e grandi ricambi: vogliamo giocarci fino in fondo sia l’Europa League sia la Coppa Italia”, ha agogunto. Sulla Nazionale con Conte: “Lui è uno che non molla mai.. Lo si capisce dalle ultime partite e spero che questo atteggiamento si possa vedere anche nelle prossime”.

FASSONE: “SOLO UN INCIDENTE”

Parlando a Tiki Taka, il dg dell’Inter, Marco Fassone, ha provato a cancellare il Cagliari: “Il calcio è materia liquida, bisogna resettare e pensare subito al futuro. Per fortuna c’è già una partita giovedì, dove dovremo tornare a fare l’Inter. Dobbiamo considerare la partita di domenica come un incidente che nel calcio può capitare”, ha detto. Su Thohir: “La visione del presidente è di cercare di aiutare il calcio italiano in generale: nei novanta minuti si gioca per vincere, dal 91′ si fa business e si cresce in altri settori societari”. Parlando di giocatori presenti e magari futur: “Boateng all’Inter? Mai dire mai (scherza, c’è la Satta in studio, ndr). Osvaldo? E’ un giocatore di straordinario talento e ha voglia di rivincita. Il nostro reparto offensivo è davvero ben assortito e spero possa dare soddisfazione ai nostri tifosi”.

Fonte: sportmediaset.mediaset.it