Ranocchia: “Io capitano, Thohir e Moratti”

Andrea Ranocchia
Andrea Ranocchia

Parole da capitano. Col “peso” di una fascia che fa parte del mito interista (Giacinto Facchetti prima, Javier Zanetti fino a ieri) e ora al braccio di Andrea Ranocchia che in un anno ha visto passare attorno a sé tutte le possibilità del Pallone: dal sentirsi di troppo in un’Inter che gli sembrava nemica (e viceversa), fino a sentirsi tutt’uno con un progetto, targato Mazzarri soprattutto, che l’ha visto rinascere. Nerazzurro e leader e capitano.

Le sue sensazioni dai primi giorni della nuova stagione, dopo un Mondiale accarezzato. Ecco le sue parole:
Su Thohir e il nuovo corso: “Thohir ha cominciato un percorso di internazionalizzazione, un progetto che mi ha convinto a restare per vincere qualcosa di importante”.

Sulle voci che vogliono Moratti meno vicino all’Inter e addirittura con propositi di starne alla larga. “No. Morati resterà sempre vicino alla squadra”.

Sulla fascia di capitano: “E’ una grande responsabilità, ma so cosa significa essere interisti e come trasmetterlo agli altri”.

Fonte: Sport Mediaset