Ranocchia, capitano senza fascia. E il mercato è pronto a bussare

La fascia al braccio, ma nessuna occasione di indossarla: nell’Inter sorridente, prima in classifica dopo quattro giornate di Serie A, c’è un volto che forse non tiene il broncio, ma certo avrebbe tutte le ragioni per tenerlo.

Il riferimento è ad Andrea Ranocchia, appena 26 minuti in stagione fin qui, sempre dalla panchina, con il picco di 21 giri d’orologio raggiunto ieri contro il Chievo solo a causa dell’infortunio occorso a Jeison Murillo: numeri che stonano con il ruolo di capitano, che infatti nel frattempo sembra essere stato affidato in pianta stabile a Mauro Icardi.

La fascia al braccio sì, forse, ma in campo, per ora, vanno altri: Miranda e Murillo, titolari del ruolo, ma anche Gary Medel, il cui arretramento in difesa dice molto sul posto occupato da Ranocchia nelle gerarchie di Roberto Mancini, che pure, complice il turno infrasettimanale, potrebbe dargli un’occasione in più in settimana.

Sprazzi di partita, con il mercato appena finito ma che torna a bussare prepotente alle porte della Pinetina: la barca non affonda di certo, tuttavia il capitano potrebbe abbandonarla. In estate ci hanno provato un po’ tutti, dall’Everton alla Roma passando per Napoli e Milan, squadre bisognose di un centrale difensivo affidabile, quello che Ranocchia, magari con qualche alto e basso, ha dimostrato di essere. Sirene inascoltate, in attesa di capire il responso del campo, che però adesso pare aver detto la sua; gennaio è lontano, questo è innegabile, ciò non di meno si torna a parlare di un possibile addio.

Napoli e Milan, chi per una ragione chi per l’altra, restano alla finestra, in più di tre mesi può succedere di tutto, altri inserimenti sono possibili e anzi molto probabili. La fascia al braccio, sì, ma di Icardi; il mercato è appena finito, sì, ma per Andrea Ranocchia potrebbe essere già ricominciato.