Quando un muro vale l’investimento

L’investimento sostenuto per acquistare Milan Skriniar era stato giudicato da più di un addetto ai lavori come eccessivo e fuori misura. In effetti lo slovacco con la maglia della Sampdoria aveva certamente bene impressionato, lasciando intravedere da un lato margini di crescita potenzialmente esaltanti, dall’altro qualche passaggio a vuoto che poteva far pensare al classico difensore fisicamente straripante ma soggetto a qualche calo di attenzione di troppo.

Dinamiche frutto dell’età, ma materia prima indiscutibile, fu invece il responso dello staff tecnico dell’Inter nel momento in cui fu deciso di investire con forza per portarlo a Milano anticipando la concorrenza di diversi club europei che pure lo avevano messo nel mirino. Una scelta che andrà valutata solo con il tempo e con la continuità di rendimento, ma che per questa fase iniziale di stagione sembra essere stata certamente felice.

Milan Skriniar

Miranda sembra per caratteristiche la spalla ideale per coadiuvarne la crescita, la mancanza di un’alternativa credibile nel ruolo sta fornendo a Skriniar la sicurezza nei propri mezzi e la carica di responsabilità ideale per affermarsi ad alti livelli.

La sapiente guida di Luciano Spalletti è invece la garanzia più credibile per credere nelle qualità di un ragazzo che a Samuel, il muro della storia recente nerazzurra, non può ancora essere paragonato, ma che certamente studia per scrivere una storia importante con la maglia nerazzurra.

Milan Skriniar