Podolski e Kovacic: i bonus sono finiti. Ora Mancini li considera riserve

La sensazione è che Mateo Kovacic e Lukas Podolski abbiano esaurito i bonus. La gara con la Fiorentina ha di fatto certificato che anche Mancini si sia pentito di averli schierati cambiando idea all’ultimo momento, sperando in una prova di orgoglio dei due che non è arrivata.

L’obiettivo era quello di far rifiatare Shaqiri e Palacio e recuperare definitivamente i due «balbettanti» che a Cagliari non gli erano spiaciuti. Nulla di tutto questo, prova ne sia il fatto che l’Inter, fin che i due sono rimasti in campo ha sofferto l’organizzazione di gioco della Fiorentina, mentre la luce, si sia accesa con l’ingresso di Shaq e il Trenza,  entrati proprio al posto degli impalpabili compagni. Solo nel finale l’Inter ha creato occasioni da gol.
Ma che succede ai due? Ad oggi al croato manca continuità, mentre per il tedesco sembra una questione di testa anche se la condizione fisica sembra in crescita. Del resto, il contrasto con una Fiorentina che è venuta a vincere a San Siro senza otto titolari del resto è stato davvero imbarazzante.

FONTEfcinter1908.it