Pochi mesi e poi l’addio: niente rinnovo, Palacio e l’Inter verso il divorzio

Chi rinnoverà e adeguerà il proprio contratto con l’Inter? Quasi nessuno dei giocatori a scadenza nel prossimo giugno – come Nagatomo o Vidic – hanno prospettive di permanenza in nerazzurro, almeno fin qui. Un discorso valido anche per Rodrigo Palacio, elemento di caratura diversa diventato pilastro dell’Inter nell’era post-Triplete. Il suo accordo con la società nerazzurra terminerà nel 2016, come stabilito due anni fa; ad oggi, non è ancora iniziato alcun colloquio per il suo rinnovo. Un segnale di come l’Inter – che ha cambiato tanto in estate nel reparto offensivo – voglia valutare con calma le condizioni fisiche e il rendimento di Palacio prima di sedersi eventualmente a un tavolo, da gennaio in avanti. Insomma, ad oggi la strada non porta a proseguire insieme a meno che l’argentino non torni a livelli altissimi, anche visto il suo ingaggio importante.

Quale destino per Palacio? Il Boca Juniors continua a coltivare questo sogno ed è l’eventualità più probabile. José Beraldi, candidato alla presidenza degli Xeneizes, ha fatto sapere ai propri elettori di volerle provare tutte pur di riportare il Trenza alla Bombonera in un attacco da sogno con Carlitos Tévez. Uomo da manifesto elettorale, Palacio chiaramente però dovrà decidere se fare una scelta di vita in questo senso. E al momento preferisce concentrarsi sull’Inter prima di fare altri passi sul futuro, ci sarà tempo. Come non mancheranno i club a corteggiarlo: il Leicester di Claudio Ranieri lo avrebbe preso volentieri in estate, ma è un’opportunità complessa così come le voci americane su un possibile approdo in MLS che fin qui non hanno avuto particolari riscontri nel gradimento di Palacio. Concentrato più che mai sul voler dimostrare il proprio valore all’Inter, pur sapendo che il destino sarà verosimilmente lontano da Milano.

Tante voci in Brasile intanto accostano ai club europei un giovane gioiellino del Santos: Thiago Maia, centrocampista offensivo classe ’97. Anche gli osservatori nerazzurri in Sudamerica lo conosco bene e lo tengono d’occhio, ma non è stata fatta ancora un’offerta ufficiale. Maia è un prospetto ritenuto intrigante, le condizioni economiche però rappresentano un ostacolo enorme (il Santos lo valuta già più di 6/7 milioni) e su di lui si è avventato il solito Atlético Madrid, che ha prenotato anche Kranevitter proprio mentre l’Inter lo stava trattando in estate prima di concentrarsi poi su Kondogbia. Aspettando le prossime mosse in chiave futura…