Plusvalenze, conto alla rovescia: sfondati i 30 mln, cessione a sorpresa. I prossimi addii…

L’Inter deve racimolare 45 milioni di euro di plusvalenze entro il prossimo 30 giugno. La situazione non preoccupa il ds Piero Ausilio, che si è detto convinto che il traguardo sarà raggiunto. La Gazzetta dello Sport fa il punto della situazione: “Il tesoretto generato dalle cessioni ha prodotto fin qui oltre 30 milioni di plusvalenze. Tra queste c’è quella di Federico Valietti, terzino di spinta bi-campione d’Italia con la Primavera di Vecchi, che ieri è passato in sede per sistemare gli ultimi dettagli del suo trasferimento al Genoa: l’Inter si è assicurata il diritto di recompra, ma intanto col passaggio di Valietti ai rossoblù (più il portiere Radu) ha generato una plusvalenza di 12 milioni. Che si vanno ad aggiungere ai 7 per la cessione di Bettella all’Atalanta, ai 14 per Zaniolo e Santon alla Roma (ma di plusvalenza sono poco più di 11 ndr), ai 2,5 per il riscatto di Kondogbia da parte del Valencia”.

Ma non basta per soddisfare la Uefa, ecco perché l’Inter sta pensando ad una cessione a sorpresa tra i suoi giovani: quella di Jens Odgaard, uno dei talenti più importanti del vivaio nerazzurro. Sul danese c’è il Bologna. E poi ci sono gli accordi solo da definire per arrivare a dama: “Nagatomo al Galatasaray (altri 3 milioni), Puscas al Leganes (3). E poi c’è da convincere Manaj ad accettare la corte dei club spagnoli e portoghesi che hanno presentato un’offerta e che garantirebbero alle casse neroazzurre altri due milioni“, sottolinea la Rosea.