Pirlo all’Inter: due le possibili formule. Andrea stuzzicato perché…

Il sogno Pirlo è tutto da realizzare, ma nel caso in cui si riuscissero ad incastrare tutte i tasselli del difficile mosaico, l’ex bianconero, secondo la Gazzetta dello Sport, potrebbe arrivare a Milano con una doppia ipotesi:  prestito semestrale o addirittura un contratto di un anno e mezzo, che a 36 anni pare fantacalcio ma chissà. Il Mancio vorrebbe Pirlo per far girare attorno i suoi marcantoni tecnici (Felipe Melo e Medel sanno stare anche intermedi) e per tendere un asse Pirlo-Jovetic da luce perpetua. Rivestirsi di Inter, per lui, sarebbe una rivincita in grande stile.
Andrea sarebbe solleticato dall’idea di tornare per non perdere l’ultimo Europeo in carriera. Con gli allenamenti italiani (e senza Coppe) non fallirebbe l’obiettivo. Antonio Conte stravede per Pirlo, si sa, ma non lo convocherà per la doppia sfida contro Belgio e Romania per scelta tecnica. «Un campione come lui merita rispetto» disse il ct azzurro. Lo pensa anche Mancini la cui sfida virtuale con Manuel Pellegrini vivrà un altro capitolo.